Giurdignano, la battaglia dei fumetti di Gianni Rodari

Nell'ambito del progetto “Libri che bruciano, Biblioteche che nascono”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

In occasione del centenario della nascita di Gianni Rodari, indimenticabile autore di testi per l’infanzia, il Comune di Giurdignano presenta il progetto “Libri che bruciano, Biblioteche che nascono” ideato dalla book blogger Paola Bisconti. Sabato 8 febbraio alle ore 18:30 presso il Palazzo Baronale di Giurdignano sarà inaugurata la mostra dei libri censurati alla presenza del sindaco Monica Gravante, dell’assessore con delega alla cultura Cristina Accoto e del dirigente Luigi Moscatello.

L’iniziativa infatti prevede la collaborazione degli studenti delle classi quarta e quinta della Scuola Primaria di Giurdignano. La manifestazione nasce con lo scopo di fare una riflessione sul ruolo della cultura nella difesa della democrazia e della libertà di ogni individuo. Oltre ai casi clamorosi che hanno visto la distruzione di libri e biblioteche nel corso della Storia, è accaduto che anche uno scrittore, pedagogista, giornalista, maestro come Gianni Rodari subisse una forma di censura. Quella che portò avanti è conosciuta come “La battaglia dei fumetti” che in molti desideravano “moralizzare”.

L’occasione è senza dubbio un’opportunità per omaggiare una delle figure più importanti della cultura italiana ma anche un modo per ribadire la necessità di ricorrere alla cultura intesa come strumento fondamentale per la tutela di qualsiasi diritto. La mostra che sarà impreziosita da un reading letterario sarà visitabile anche domenica 9 febbraio dalle ore 9:00 alle 19:00.

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento