Sabato, 18 Settembre 2021
Cultura Guagnano

Guagnano ricorda Papa Nino. Con una via ed una mostra

A 21 anni dalla sua scomparsa, l'Amministrazione Comunale di Guagnano ricorda la grande figura di "Papa Nino", un sacerdote che per oltre un cinquantennio ha rivoluzionato la comunità

don_giovanni_buccolieri_lecceprima

A 21 anni dalla sua scomparsa, l'Amministrazione Comunale di Guagnano ricorda la grande figura di "Papa Nino", un sacerdote che per oltre un cinquantennio ha rivoluzionato la comunità, rappresentando un importante tassello di vita guagnanese del XX secolo. Un "uomo buono" al quale si è deciso di intitolare una nuova via cittadina.

La cerimonia avverrà martedì 06 Ottobre 2009, in occasione dei festeggiamenti previsti per la Madonna del Rosario all'interno dell'Aula Consiliare dove sarà allestita anche una mostra fotografica, fortemente voluta dall'Assessorato alla Cultura, interamente dedicata alla vita ed alle opere di Don Giovanni Buccolieri che per tutti i parrocchiani era semplicemente Papa Nino.

L'orario di inaugurazione è previsto per le ore 21.30 circa, subito dopo la "Salve Regina". La mostra è frutto di un mirabile lavoro di ricerca interamente curato da Andrea Tondo. A detta del sindaco Fernando Leone e del Delegato alla Cultura François Imperiale "Don Giovanni Buccolieri è indiscutibilmente per tutti i guagnanesi una pietra miliare della storia di buona parte del XX secolo; nessuno come lui ha saputo incidere nella crescita spirituale, sociale e culturale della nostra cittadina; quest'uomo originario di San Pancrazio, al di là della propria missione religiosa, ha amato Guagnano".

"L'aver patrocinato - continua Imperiale - e sostenuto il lavoro fatto dall'amico e concittadino Andrea Tondo non è solo un semplice dovere istituzionale, ma la consapevolezza che iniziative come questa servono a custodire e proteggere la memoria e l'identità di ognuno di noi; sapere da dove si viene, coltivare il ricordo di uomini e donne che hanno contribuito in modo così incisivo all'edificazione del tessuto sociale in cui viviamo, rappresenta l'antidoto migliore a scongiurare il pericolo di diventare figli di nessuno in una terra di nessuno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guagnano ricorda Papa Nino. Con una via ed una mostra

LeccePrima è in caricamento