"La manutenzione della solitudine": il reading a Nardò

  • Dove
    Arci Nardo Centrale
    Indirizzo non disponibile
    Nardò
  • Quando
    Dal 07/11/2019 al 07/11/2019
    20:30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Giovedì 7 novembre 2019, alle ore 20.30, presso la sede dell’“Arci Nardò Centrale”, in via Matteotti 6, a Nardò, si terrà il primo appuntamento della rassegna “Versi Diversi”, dedicata ai poeti, alla poesia e alle performance poetico musicali. L’attore e poeta Giuseppe Semeraro, insieme al cantautore e musicista Leone Marco Bartolo, si esibiranno nel reading “La manutenzione della solitudine”, tratto dall’omonima raccolta poetica da poco edita per i tipi di Musicaos Editore. L’incontro sarà introdotto da Loredana Giliberto.


Il tentativo è quello di scoprire e attraversare la poesia attraverso il teatro. Insieme alla musica e al suo potere evocativo vengono costruiti in scena dei veri e propri frammenti teatrali, monologhi poetici, piccole digressioni surreali.


“Cerco di prendere la parola poetica e accompagnarla in una visione, in un quadro scenico, cerco di incarnare le mie parole con la vita di personaggi immaginari che chiedono il permesso di usare la mia voce. Voglio che la poesia esca dal suo guscio e incontri il pubblico parlando alla gente in maniera diretta per guardarla negli occhi nel momento in cui la parola diventa il luogo di quell'incontro.”


La musica in scena non è mai semplice accompagnamento ma parte viva e integrante di un rito che vede la parola al centro della scena. Sulla scena si alterneranno poesie, monologhi, canzoni così come si alterneranno momenti più drammatici a momenti lievi senza disdegnare infine qualche momento più divertente.

Giuseppe Semeraro: attore, regista e poeta lavora in ambito teatrale da più di vent’anni. Ha lavorato come attore con Il teatro della Valdoca, in diversi spettacoli con la regia di Danio Manfredini e preso parte allo spettacolo Frame con la regia di Alessandro Serra. Nel 2007 è tra i fondatori della compagnia Principio Attivo teatro dirigendo come regista Storia di un uomo e della sua ombra (finalista scenario e premio Eolo 2009), La bicicletta Rossa (premio Eolo 2013 ) e Opera Nazionale Combattenti (finalista in-box 2016). Nel 2015 realizza lo spettacolo Digiunando davanti al mare ispirato alla figura di Danilo Dolci. È autore di diversi libri di poesie tra cui, Cantica del Lupo, Due parole in croce, A cosa serve la poesia da cui è tratto lo spettacolo con Gianluigi Gherzi.

Leone Marco Bartolo è un cantautore siciliano, salentino di adozione, ed un interprete di musica popolare, nonché appassionato cultore del dialetto della sua terra, non solo chitarrista, ma poliedrico strumentista e arrangiatore, intinto di sfumature classiche e sonorità rock. E’ tra gli autori, ed esecutore dal vivo, della musica per lo spettacolo “Storia di un uomo e della sua ombra – Mannaggia ‘a mort”, della Compagnia Principio Attivo Teatro, opera finalista al “Premio Scenario Infanzia 2008” e vincitrice del “Premio Eolo Award 2010” e del “Premio Padova 2010”, con all’attivo oltre 400 repliche in tutto il mondo. Compone le bande sonore anche degli spettacoli “La bicicletta rossa”, “Doctor Jekyll”, “Opera Nazionale Combattenti” e del recital “Senza voce”, nel quale esegue alla chitarra alcuni brani di Rosa Balistreri per accompagnare il racconto della storia di Ciccilla, brigantessa calabrese, su testo della scrittrice Valentina Diana. Dal 2014, insieme ad Andrea “Pupillo” De Rocco dei Negramaro, compone e cura la musica dal vivo per lo spettacolo “Due parole in croce”, di e con Giuseppe Semeraro, poeta, regista e scrittore pugliese. Tra gli altri artisti salentini con cui collabora: Claudio Miggiano (ex Officina Zoè) e P40. Nel 2016 compone, arrangia e suona le musiche per la canzone “Le Giravolte”, testo di Giovanni Epifani, con la quale Lucia Minutello vince il “Premio Mia Martini 2016” come “Miglior interprete”. Sempre nel 2016 collabora con Marco Corrao nel suo disco “Storto” e alla produzione di “Ciricò”, della cantautrice siciliana Sara Romano, vincitore del Premio Ciampi – Città di Livorno 2016 come miglior brano inedito. Ha all’attivo 2 album, “Birbanti” del 2005, con I Birbanti, e “Calliope e Euterpe” del 2011, scritto a quattro mani insieme al fratello Salvatore Bartolo. Leone Marco Bartolo, in definitiva un cantore, un musico, un instancabile improvvisatore e calcolatore di momenti musicali di singolare espressività.

Versi che ritornano come un mantra, si fanno preghiera, rabbioso monito, denuncia. Versi da maneggiare con cura, custodire, donare, come si fa con le cose rare, fragili e indistruttibili. Una sinfonia di parole che sonda l’esistenza, dalla levità di un battito d’ali di farfalla alla concretezza di un indirizzo in tasca di uno straniero senza nome né vita. Parole che assumono un peso specifico, un equilibrio stabile eppur mutevole come le stagioni, l’animo umano e le suggestioni che affiorano ad ogni lettura. Nella società dell’iperconnessione, della comunicazione coatta, fare manutenzione della solitudine è un atto di coraggio, un imperativo etico. E con il mare in faccia, la solitudine si fa esperienza, vuoto fertile, aprendo le porte al peso vero delle cose. Giuseppe Semeraro restituisce l’essenziale, incrocia parti profonde ed inesplorate del lettore costringendole a venire fuori, gli dà forma, le nutre. Tre preziose frecce al suo arco: l’arte dell’introspezione, l’abilità di ascoltare i mondi del dentro e del fuori e il dono del concreto. La solitudine incontra l’umanità, la moltitudine, ritorna al mondo bagnandosi della sua bellezza, incontra altri occhi e trabocca d’infinito.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • "Semina parole": laboratorio di lettura espressiva

    • dal 8 al 22 novembre 2020
    • Fondo Verri

I più visti

  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • “Boom”: il brano della salentina Alessia Leo

    • solo oggi
    • 22 novembre 2020
  • Venerdì Siria: sapori e profumi vegan dal Medio Oriente

    • dal 18 dicembre 2019 al 18 dicembre 2020
    • Agricola Samadhi
  • “Progettando il territorio”: cronache del Collegio dei Geometri

    • dal 4 al 30 novembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento