Le onde gravitazionali: la ricercatrice Paola Leaci incontra il pubblico

Sarà la novolese che ha partecipato alla scoperta del secolo, la conferma della teoria di Einstein, ad aprire il marzo rosa di Sternatia

@TM News/Infophoto

STERNATIA – Paola Leaci torna nel suo Salento. A Sternatia, la fisica originaria di Novoli, che partecipa attivamente alla ricerca sulle onde gravitazionali, spiegherà al pubblico l’importanza in termini pratici della conferma della teoria messa a punto un secolo addietro dalla vulcanica mente di Albert Einstein. Lui aveva ipotizzato le increspature nel tessuto spaziotemporale, gli scienziati moderni statunitensi ed europei, con i progetti Ligo e Virgo, usando avanzati interferometri, l’hanno suggellata.

Paola Leaci ha rilasciato nei giorni scorsi un’intervista a LeccePrima, parlando degli aspetti principali di questa scoperta e dei passi futuri. Ora, parlerà direttamente al pubblico in un incontro che si svolgerà sabato 5 marzo alle 19, nella sala delle cerimonie del Palazzo Municipale, in qualità la prima ospite del “marzo rosa” del comune griko.

L’incontro è stato organizzato dal Comune di Sternatia e dall’associazione “Libera Polis” in collaborazione con l’associazione Up. Paola Leaci converserà con il giornalista Danilo Siciliano, per capire quali siano le implicazioni di carattere astrofisico, tecnologico e pratico, partendo proprio dall’intuizione avuta da Eistein nel 1916. E per scoprire per conoscere meglio anche la sua personalità, quella di una donna che si confronta con un mondo della fisica che oggi si potrebbe dire in fase di riscrittura, anche con la sua partecipazione. 

PAOLA LEACI FOTO-2E’ orgoglioso della sua presenza, il sindaco Massimo Manera. “Siamo davvero felici di ospitare Paola Leaci nel mese dedicato alle donne – dice - perché lei oggi rappresenta la grande forza e la determinazione di una ricercatrice del Sud che ha raggiunto uno straordinario traguardo. Un esempio per tutti i giovani”.

Per Maurizio Pinna, presidente dell’associazione Libera Polis, la scoperta delle onde gravitazionali rappresenta un modo nuovo di osservare e ascoltare l’universo. Ecco perché abbiamo voluto che fosse Paola Leaci a raccontare al pubblico quali scenari si aprono nel mondo della ricerca e dell’impresa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Paola Leaci, 35 anni, di Novoli, si è laureata in fisica nel 2004 all’Università del Salento con una tesi sulla “Simulazione di spettri marziani all’infrarosso”. Nel 2008 si è trasferita a Trento per un dottorato di ricerca al Dipartimento di fisica dell’Università degli studi e ha vinto il concorso internazionale al Max Planck  Institut  in Germania dov’è rimasta per sei anni, iniziando a lavorare al progetto “sull’analisi dati di onde gravitazionali  continue” all’interno della collaborazione scientifica Ligo-Virgo. Nel 2013 ha deciso di rientrare in Italia, concorrendo per il bando voluto dal Governo per il “rientro dei cervelli”. Oggi è ricercatrice del Dipartimento di Fisica dell’Università Sapienza di Roma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento