"Vado a Lecce", il libro di Franco Ungaro presentato alla Libreria del Sole

Venerdì 15 aprile alle ore 20.00 a Lecce, presso la Libreria del Sole  (via F. Rubichi 14 - ingresso gratuito) Franco Ungaro presenterà "Vado a Lecce. Artisti storici e scrittori in giro per la città" edito da Kurumuny. Dialogheranno con l'autore Salvatore Cosentino, procuratore della Repubblica di Locri e Mario Cazzato, esperto di storia locale.

L’ultima avventura letteraria di Franco Ungaro prosegue, dopo Lecce sbarocca, lungo il solco della narrazione urbana. Con Vado a Lecce. Artisti storici e scrittori in giro per la città ha raccolto e selezionato testi di oltre quaranta autori, salentini e non, che dagli anni Quaranta a oggi hanno raccontato Lecce attraverso parole, canzoni e poesie, articoli e saggi.

Come scrive Massimo Bray nella prefazione «la multiforme raccolta di Ungaro non si limita certo a questo: mescola generi e lingue diverse – marble floor e marble stairs sono ciò che colpisce l’immaginazione di Lee Ranaldo in Lecce, Leaving, mentre il grande tenore Tito Schipa canta in salentino la sua Lecce gentile e beddha come un vero e proprio paradisu ’nterra – e ci offre allo stesso tempo un affresco della città che narra sé stessa attraverso i suoi artisti, scrittori, giornalisti e poeti, e un mosaico di impressioni fugaci, emozioni, meditazioni scaturite dalla penna dei viaggiatori che l’hanno visitata.» L’affresco che ne viene fuori è di una città che incanta e sorprende, emoziona e ammalia, come pure di una città che, non di più e non di meno di altre città, nasconde colpe inconfessate, limiti e contraddizioni. C’è la Lecce affascinante dell’oro e della pietra barocca che aveva sorpreso Cesare Brandi, Guido Piovene, Mario Praz, ma anche Raffaele Nigro, Ferdinando Boero, Roberto Cotroneo e quella poeticamente crepuscolare di Vittorio Bodini, Ercole Ugo D’Andrea, Fernando Manno e Antonio Errico. C’è chi racconta il passaggio dalla città povera e contadina degli anni Quaranta (Bianciardi) e Cinquanta (Anna Maria Ortese, Rina Durante) a quella gaudente degli anni Ottanta con i prodromi della movida perenne di Armando Tango, Osvaldo Piliego, da quella visceralmente irrequieta e febbricitante di Raffaele Gorgoni, Edoardo De Candia, Tonino Caputo a quella ‘patafisica’, strampalata di Nonciclopedia o alla Lecce innevata di Bjorn Larsson. C’è Lecce vista con gli occhi e il cuore di Moustapha Wissam, migrante dal Libano. C’è la Lecce degli innamorati ciechi (Tito Schipa) e quella degli innamorati esigenti (Vittorio Pagano, Claudia Ruggeri), autori per i quali la geografia si fa poesia, atlante dei sentimenti. Lecce viene raccontata in auto da Giorgio Caproni, in bicicletta con gli strani incontri di Bruno Brancher, a piedi da Antonio L. Verri, da una moto come fa il rapper Aban oppure da un treno in partenza (Mario Perrotta) o infine davanti alla plancia gialla attaccata sul treno Milano-Lecce che Roland Barthes osserva nella stazione meneghina. Luoghi, personaggi, caratteri, storie e microstorie narrate da punti di vista, ispirazioni e prospettive diverse con dettagli, curiosità e qualità letterarie diverse. 

Vado a Lecce è infine un invito a custodire la memoria e la bellezza della città, un invito ai cittadini, leccesi e non, a scrivere altri e nuovi racconti della città con le proprie immagini e impressioni, con il proprio stile e punto di vista per un progetto artistico e letterario che può e deve diventare condiviso e partecipato attraverso il coinvolgimento di nuovi attori. Franco Ungaro vive a Lecce. È stato sino al marzo 2015 direttore dei Cantieri Teatrali Koreja di Lecce. Oltre a numerosi articoli su quotidiani e riviste locali e nazionali, ha pubblicato Dimettersi dal Sud (2006) e Lecce sbarocca (2011)
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • "Argo": incontri ravvicinati

    • Gratis
    • dal 26 giugno al 30 ottobre 2020
    • online
  • Le poete della Beat a Leverano

    • solo oggi
    • Gratis
    • 19 settembre 2020
    • Biblioteca di comunità
  • "Caccia alla preistoria": l'area archeologica di Roca dedicata ai ragazzi

    • Gratis
    • 4 ottobre 2020
    • Area archeologica Roca Vecchia

I più visti

  • “Clown”: la mostra di Franco Baldassarre

    • dal 20 giugno al 30 settembre 2020
    • Castello Aragonese
  • Pranzo e cena in agriturismo

    • Gratis
    • dal 20 febbraio al 31 ottobre 2020
    • agriturismo santa chiara
  • La mostra di Pietro Guida al Castello di Copertino

    • dal 14 luglio al 19 settembre 2020
    • Castello di Copertino
  • Cena in un agriturismo salentino

    • Gratis
    • dal 19 giugno al 30 settembre 2020
    • agriturismo santa chiara
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    LeccePrima è in caricamento