Luoghi a misura di bambino

Cooperazioni di intesa a tutela dei diritti e creatività dell'infanzia "il grande libro dei bambini" in un "vento di primavera nelle città del futuro"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

In questo periodo di pandemia Coronavirus è nel luogo di residenza che l'autrice della ricerca internazionale scientifico-artistica "I sogni dei bambini del mondo" - Lecce - Italy, Tiziana Dollorenzo Solari, ricomincia un viaggio attraverso il suo filo simbolico, sempre usato nelle performance itineranti; approdi in luoghi sensibili ad organizzare spazi colorati e accoglienti per l'infanzia. L'autrice immagina una rigenerazione della vita urbana attraverso la raccolta periodica in città dei disegni: specchi primordiali della migliore umanità; come descrive nella pubblicazione scientifica "vento di primavera nelle città del futuro" - consultabile integralmente on-line sul sito ISSUU.

Quindi da Marzo 2020 ha iniziato uno studio per la comunicazione creativa-digitale e la fruizione più antica delle prime tracce che può lasciare un bambino in assoluta libertà. Nei mesi di isolamento più grave a causa della pandemia le relazioni con Ambasciate Italiane e Scuole Internazionali hanno contribuito alla creazione di una nuova imbarcazione che rende l'invito al disegno possibile e semplice anche a distanza. Intense comunicazioni hanno portato ad un archivio di disegni, dei bambini costretti a rimanere in casa, fruibile sulla pagina Facebook "I sogni dei Bambini del mondo" e account Instagram "Il grande libro dei bambini" che si unisce ai 4000 disegni dell'Istituto Immaginale sull'Archetipo dell'Infanzia, raccolti in 15 anni di ricerca e di performance nel mondo.

L'imbarcazione che l'autrice immagina approda in porti sensibili che vogliono rispettare la voce dei bambini: semi di prospettiva futura. La spinta ispirativa è orientata dalla bellezza del mondo immaginale che si respira nella prima traccia; questa solleva i modi più antichi di comunicazione tra gli esseri umani, fatti di intuizioni e di doni. Infatti ogni luogo è avviato dall'autrice con un allestimento essenziale, un kit di pastelli e album da disegno destinato ad essere posizionato nello spazio a misura di bambino. Immagina anche un accordo con la meraviglia dei bambini quando ricevono un dono; ecco perché sono previsti tanti pastelli che potranno portare a casa.

Questo impianto, per quanto apparentemente essenziale, proviene da anni di studio applicativo e comparato sui temi di etica ed economia che rintracciano nel dono il concetto della relazione e della reciprocità per un miglioramento qualitativo del vivere sociale. L'istituto Immaginale sull'Archetipo dell'Infanzia cura l'esposizione permanente dell'archivio di tracce generazionali per una fruizione digitale rivolta agli adulti, genitori, artisti, ricercatori, medici, insegnanti. L'elenco dei luoghi che partecipano alla costruzione de "Il grande libro dei bambini" sono pubblicati sui social network della ricerca per usufruire di una mappa in città a misura di bambino.

Torna su
LeccePrima è in caricamento