Cultura

Marcello Veneziani e le macerie di un '68 rovesciato

Il sessantotto è stata una rivoluzione o una controrivoluzione? Cosa ha portato in termini di progresso socio-politico? Il professor Marcello Veneziani nei ha parlato di recente a Lecce

Il sessantotto è stata una rivoluzione o una controrivoluzione? Cosa ha portato in termini di progresso socio-politico? Il professor Marcello Veneziani autore de "Il '68 rovesciato", e che lo scorso mese è stato a Lecce, non ha dubbi: il '68 ha rappresentato una pagina deleteria per la storia dell'Occidente. Un'altro colpo all'Occidente. Ma che senso ha parlarne oggi nel 2008? Forse, dopo tutto, Veneziani ha dalla sua il giusto distacco storico-temporale per mettere a punto una valutazione più equilibrata. E' chiaro, tuttavia, al di là delle considerazioni politiche, che bisogna ripensare il nostro incedere quotidiano lontano dai vecchi schemi categoriali.

- Professor Veneziani perché rovesciare il '68?

"Va rovesciato perché ha lasciato più macerie che risultati positivi. Le macerie principali sono evidenti nella scuola, nell'università e nella famiglia e, soprattutto, nel rapporto tra le generazioni. Ha lasciato anche un'ondata di sfiducia e di nichilismo, in sostanza, non crediamo più in niente, è stata una liberazione che ci ha portato verso il nulla".

- Non crede che la sociologia moderna e la filosofia di autori come Foucault o Popper abbia già scardinato il pensiero post-marxista dei vari Adorno e Marcuse?
"Ma gli effetti principali del '68 sono nella mentalità, nella vita civile non tanto nel pensiero filosofico. Dopo il '68 si avverte l'aria della morte della filosofia. Il problema è capire quali lasciti il '68 ha prodotto nella vita corrente, nella vita quotidiana e, di conseguenza anche la sconfitta del pensiero sessantottino non è sufficiente a debellare gli effetti civili, sociali e morali del '68".

- In particolare si è soffermato sui segmenti vitali della società italiana in cui il '68 ha avuto un'influenza importante, tra cui, l'università o la magistratura.

"Il '68 è diventato una classe di potere, i sessantottini sono una casta che ha acquisito il potere mediatico. Il '68 ha in mano le chiavi della mentalità di un Paese in termini dissolutivi".


In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marcello Veneziani e le macerie di un '68 rovesciato

LeccePrima è in caricamento