rotate-mobile
Cultura Andrano

“Mio fratello. Tutta la vita con Peppino”, Giovanni Impastato presenta il suo libro nel Salento

Un grande esempio di antimafia sociale che, 44 anni dopo l'assassinio di Peppino Impastato, è ancora capace di parlare soprattutto ai più giovani. L'evento si svolgerà domani, 20 aprile, a Castiglione d'Otranto

CASTIGLIONE D'OTRANTO - Domani, mercoledì 20 aprile, Giovanni Impastato presenta il suo libro “Mio fratello. Tutta la vita con Peppino” a Castiglione d’Otranto, nell’ambito del festival “Terrammare”, figlio del progetto “Leggere tra due mari”, in un evento organizzato, promosso e ideato dal Centro Servizi Volontariato di Brindisi e Lecce.

L'evento si svolgerà presso il Parco Renata Fonte  alle ore 18.30. 

Un grande esempio di antimafia sociale che, 44 anni dopo il suo assassinio, è ancora capace di parlare soprattutto ai più giovani e con la lingua dei più giovani. A Castiglione d’Otranto, per il terzo anno consecutivo, si continua a esplorare la figura di Peppino Impastato e stavolta lo si farà alla presenza del fratello Giovanni. 

“Mio fratello. Tutta la vita con Peppino” è un racconto colmo di pagine inedite e di particolari mai rivelati. È la storia di un paese del Palermitano, Cinisi, e di una famiglia di agricoltori legati alla mafia locale: il padre di Peppino e Giovanni, Luigi, era stato inviato al confino durante il periodo fascista, mentre suo cognato, Cesare Manzella, ucciso in un attentato, era il capomafia del paese, uno dei boss che per primi individuarono nel traffico di droga il nuovo strumento di accumulazione di denaro e potere. “È da qui – è scritto nella presentazione del libro – che si sviluppa la vicenda rivoluzionaria, drammatica, coraggiosa e libera del ragazzo destinato a diventare il più contagioso degli attivisti della lotta antimafia. Una storia che non si interrompe affatto con l’uccisione di Peppino, ma che continua per altri quarant’anni intrecciandosi a quella del nostro Paese, e disvelandone spesso complicità e opacità. Quella storia Giovanni l’ha vissuta tutta, camminando con Peppino ben oltre i cento passi che per convenzione distanziavano la loro casa da quella di Gaetano Badalamenti, ’u ziu Tano. Invecchiando, lui sì, mentre Peppino, suo fratello maggiore, restava per sempre ragazzo. Ma quei passi ora sono diventati milioni”.

Impastato è ritenuto una figura rara nell’antimafia italiana, proprio perché ebbe il coraggio di rompere non solo con la “mafia di prossimità” ma soprattutto con la “mafia in casa”. Il boss di Cinisi, Gaetano Badalamenti, vent’anni fa è stato condannato all’ergastolo come mandante dell’omicidio di Peppino, avvenuto il 9 maggio 1978, a pochi giorni dalle elezioni amministrative a cui lui, trentenne, si era candidato con la lista “Democrazia proletaria”. 

A Castiglione d’Otranto, due anni fa, Casa delle Agriculture, Parrocchia San Michele Arcangelo, Pro Loco Andrano e coop. soc. L'Adelfia, con il sostegno di Libera Lecce, Associazione della Stampa di Puglia e della Federazione Nazionale Stampa Italiana, hanno proposto l’intitolazione a Peppino Impastato di uno spazio di aggregazione sociale adiacente al Parco Renata Fonte: le ex aule sociali, in questo momento un cantiere quasi ultimato, finanziato dal Pon Legalità, per la loro trasformazione in “fucina delle culture” per l’integrazione di migranti. Un modo per rafforzare il messaggio di Peppino, che resta attuale e sta nella visione di coniugare “terra e legalità”, cioè impegno per gli ultimi e salvaguardia del territorio, diritto al lavoro e diritto a un ambiente non saccheggiato dalla speculazione. 
 

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Mio fratello. Tutta la vita con Peppino”, Giovanni Impastato presenta il suo libro nel Salento

LeccePrima è in caricamento