Martedì, 27 Luglio 2021
Cultura

Numeri da record per la Notte della Taranta. E Manera guarda verso il futuro

Rai5, il canale tematico della rete pubblica, con il concertone della tappa finale di Melpignano, ha totalizzato uno share medio del 3,65 per cento (il 5 per cento tra le 23 e la mezzanotte). Il suo miglior risultato. E ora si pensa ai progetti in giro per il mondo, in attesa del 18esimo compleanno

MELPIGNANO – I numeri sembrano dare ragione alla Notte della Taranta. E non si tratta solo delle 150mila presenze circa stimate, secondo quanto rimarca l’organizzazione, citando la questura di Lecce come fonte, ma anche dello share realizzato da Rai5. Il canale tematico della rete pubblica, con il concertone della tappa finale di Melpignano, ha totalizzato uno share medio del 3,65 per cento (il 5 per cento tra le 23 e la mezzanotte, nel momento clou). Ovvero, il miglior risultato mai raggiunto dalla rete, che è ancora piuttosto giovane, essendo stata lanciata nel novembre del 2010.

Massimo Manera, presidente della fondazione La Notte della Taranta, non nasconde la sua soddisfazione: “Nel corso di questa edizione – afferma – abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi prefissati. I dati d’ascolto e la grandissima partecipazione dal vivo ci dicono che la manifestazione è ormai un bene comune, capace di emozionare e creare condivisione. E noi lavoreremo – aggiunge - perché questa condivisione si allarghi ancora di più, ascoltando tutte le sollecitazioni che il nostro pubblico ci darà”.

“Vogliamo – dice ancora Manera - intensificare i concerti della nostra Orchestra popolare durante tutto l’anno. Dal 13 al 15 settembre ad esempio saremo ad Hamman, a novembre a New York, a dicembre in Kuwait e in Israele. E poi a gennaio abbiamo già fissato dei concerti a Bologna e L’Aquila”.

E poi, arriverà il momento della “maturità”. Già, perché l’anno prossimo “La Notte della Taranta” spegnerà le sue prime 18 candeline sulla torta.  E allora, cosa accadrà? “Vogliamo ampliare ancora di più la nostra presenza all’estero – spiega Manera -, ma siamo già al lavoro per garantire servizi per un pubblico ancora più vasto e creare nuovi eventi e progetti speciali sulla scia del successo de “Il Cibo della Taranta,” che porterà i prodotti di trenta aziende del nostro territorio a New York. Su questo fronte – dice - sono in cantiere progetti che puntano al Salone del gusto di Torino e a Expo2015”.

“E’ doveroso – conclude Manera - un ringraziamento alla Regione Puglia, al presidente Nichi Vendola e all’assessore Silvia Godelli, che credono nella capacità attrattiva del festival, alla Rai, per aver portato la pizzica nelle case degli italiani, al sindaco di Melpignano Ivan Stomeo per l’efficiente organizzazione. E ringrazio di cuore naturalmente tutti i salentini e non che continuano con passione a difendere e diffondere la Cultura popolare”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Numeri da record per la Notte della Taranta. E Manera guarda verso il futuro

LeccePrima è in caricamento