Lunedì, 2 Agosto 2021
Cultura

Ottava edizione a Corigliano d'Otranto dell'evento "Nel Castello il Mondo"

Nella suggestiva cornice del Castello de' Monti, si svolgerà il primo appuntamento della manifestazione interculturale, che si inserisce nella specifica attività di promozione di un continuo ed ampio processo di integrazione

CORIGLIANO D'OTRANTO - Nella suggestiva cornice del Castello De’ Monti di Corigliano d'Otranto, si svolgerà stasera, alle 21, il primo appuntamento dell’ottava edizione della manifestazione interculturale “Nel Castello il Mondo”, promossa dal Comune con il contributo del dipartimento per le Pari opportunità della presidenza del consiglio dei Ministri.

La manifestazione interculturale si inserisce nel complesso di attività dal progetto omonimo, primo classificato dell’avviso per ‘Iniziative finalizzate alla promozione delle politiche a favore delle di pari opportunità di genere e dei diritti delle persone e delle pari opportunità per tutti’ indetto dalla Presidenza del consiglio dei Ministri-dipartimento per le Pari opportunità (G.U. n.121 del 18 ottobre 2010).

Il Comune ha da anni caratterizzato la propria attività attraverso una serie di iniziative che si racchiudono nella visione di Corigliano come “Villaggio culturale ed inter-culturale”, luogo in cui è possibile stabilire relazioni umane, attraverso rapporti concreti, dove si respirano i valori della salentinità, uniti ai ritmi, alla storia e all’identità grika. Un “Villaggio interculturale” pronto a relazionarsi con altri “Villaggi del Mondo”.

L’idea nasce da una precisa volontà amministrativa di promuovere un continuo processo di integrazione con le comunità di stranieri residenti nel territorio sviluppato attraverso una serie di iniziative a cui partecipano i cittadini delle diverse etnie presenti in loco. Per favorire la rappresentanza interculturale e la partecipazione attiva sono stati istituiti ad hoc tre organismi: la Consulta degli Immigrati (operativa dal 2006), il centro di coordinamento e programmazione Interculturale (che indirizza e promuove le politiche interculturali sul territorio) e la commissione per le Pari Opportunità; organismi che collaborano ad iniziative ed eventi con lo scopo comune di promuovere l’integrazione, l’eguaglianza ed il rispetto dei diritti delle diversità culturali.

Le iniziative, promosse dal 2006 ad oggi hanno avuto lo scopo di mettere in comunicazione tutti i cittadini di Corigliano con le personalità preziose di origini diverse, importanti per la loro cultura, professionalità, sensibilità ed esperienza, rinnovando la storia della “Grecia Salentina” fatta di migrazioni, di incontri e mescolanze fra Popoli, fra gli antichi Greci immigrati nel cuore del Salento secoli addietro e i “nativi” pugliesi dell’epoca.

Arte e artigianato, spettacolo dal vivo ed enogastronomia tipica: queste le parole chiave dell’edizione 2013. Le sale del castello accoglieranno la personale di pittura e scultura “Femminile plurale”  a cura di Giovanni Russo, mentre nell’atrio sarà allestito il mercatino artigianale del commercio equo e solidale. Saranno riproposte anche quest’anno le tradizionali degustazioni di cibi etnici, realizzate in collaborazione con le associazioni locali e le comunità di cittadini provenienti da: Marocco, Ucraina, Mauritius, Cina, India, Brasile e Romania. Concluderà la serata la performance teatrale a cura di Alibi Teatro (prevista per le ore 22.30) ispirata al mito di ‘Fedra’ narrato da Euripide e lo spettacolo teatrale a cura dei ragazzi della comunità multietnica di Corigliano d’Otranto.

L’assessore alla cultura, Dina Manti, afferma: “Attraverso i cinque sensi (gusto, udito, olfatto, tatto, vista) abbiamo iniziato a conoscere i luoghi di provenienza e le persone stesse: nelle varie edizioni sono stati realizzati laboratori artistici per e con i bambini; rappresentazioni teatrali, cinematografiche, mostre d’arte e fotografiche; libri, spettacoli musicali, di danza; degustazione di piatti tipici dal mondo e testimonianze dirette. Consapevoli che attraverso la condivisione delle piccole azioni quotidiane come preparare il cibo, stare insieme a tavola, giocare, leggere e parlare si può più facilmente incontrare e raggiungere l’anima delle persone. Ed è ciò che più conta per la nostra comunità”.

Il sindaco di Corigliano, Ada Fiore, sottolinea come anche in questa iniziativa sia riservato un “Posto Occupato” da un paio di scarpe rosse, un mazzo di chiavi, una borsa cristallizzati in memoria delle donne vittime di ogni forma di violenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ottava edizione a Corigliano d'Otranto dell'evento "Nel Castello il Mondo"

LeccePrima è in caricamento