Ergot ospita "Le poesie raccolte" di Andrea Giuliani

  • Dove
    Officine Culturali Ergot
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 22/11/2019 al 22/11/2019
    21:0
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Venerdì 22 novembre 2019, alle ore 21.00, presso le Officine Culturali “Ergot” a Lecce, in Piazzetta Falconieri 1/b, si terrà la prima presentazione del volume “Le poesie raccolte” di Andrea Giuliani, edito da Musicaos Editore.

L’autore dialogherà con l’editore, Luciano Pagano, e leggerà alcuni brani tratti dalla sua raccolta di esordio. A seguire si terrà l’esibizione live del gruppo “A morte l’amore”, composto da Giuseppe D'Amicis (chitarra/voce), Simone Prudenzano (batteria) e Mauro Capogrosso (basso). Ingresso libero

Andrea Giuliani, nasce a Lecce nel 1989. Sin dalla tenera età viene incuriosito dalla lettura e dai libri, anche grazie all’interesse trasmesso dalla madre con costanza ed entusiasmo. Ha frequentato la facoltà di lingue dell’Università del Salento, dove ha scoperto l’amore per i classici della letteratura Russa, innamorandosi perdutamente del potere descrittivo di Tolstoj. Attualmente lavora come impiegato del reparto commerciale e di distribuzione della Deghi S.p.A. Nel tempo libero, oltre a dedicarsi alla scrittura, ama viaggiare, ascoltare vinili di De André, andare in skateboard, correre in bici e restaurarne alcune, e, quando possibile, adora immergersi nella natura incontaminata, come un lupo affamato che rincorre la preda, alla ricerca incessante della prossima Poesia.

“Questa non è una raccolta di poesie. Sono poesie raccolte. Raccolte per strada, nei vicoli, sul bancone di un bar, in una corsia d’ospedale, in riva al mare, sulla terra rossa, tra i rami degli ulivi, nei piccoli borghi del sud, dentro casa. Ovunque esse si manifestino. È la poesia che ti viene a cercare e ti chiede di essere scritta. Il poeta è soltanto il mezzo attraverso il quale la poesia, insita in ogni elemento attorno a noi, si rivela. È la bellezza che diventa parola, è il dolore che da sentimento astratto diventa un tratto di penna angosciato e ricalcato con rabbia. Il potere delle parole è qualcosa di incommensurabile e può essere assai pericoloso. La parola può ribaltare situazioni irrecuperabili, può travisare la realtà, può comandare popoli. Non sottovalutate le parole. Non sottovalutate la poesia. Attraverso la scrittura l’unico obiettivo che mi pongo, che definirei più una speranza, è quello di trasformare uno sfogo in qualcosa di positivo. Cercare di suscitare nel lettore un’emozione pura, magari labile e sfuggente, ma in grado di lasciare un eterno bel ricordo. Come un breve temporale estivo che, dopo avervi rovinato la giornata, vi regala la meraviglia dell’arcobaleno.”

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • "Semina parole": laboratorio di lettura espressiva

    • dal 8 al 22 novembre 2020
    • Fondo Verri

I più visti

  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • “Boom”: il brano della salentina Alessia Leo

    • solo oggi
    • 22 novembre 2020
  • Venerdì Siria: sapori e profumi vegan dal Medio Oriente

    • dal 18 dicembre 2019 al 18 dicembre 2020
    • Agricola Samadhi
  • “Progettando il territorio”: cronache del Collegio dei Geometri

    • dal 4 al 30 novembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento