Freddure, giochi di parole e ironia. In libreria un antidoto alla frenesia quotidiana

Quasi costretto dagli amici esasperati dalla sue freddure, Simone Mele ha messo uno dietro l'altro tutti i giochi di parole che gli sono venuti in mente nel tempo. E il risultato è un libricino a tratti esilarante: "Se l'ozio è il padre dei vizi, lo zio è il padre dei cugini"

Simone Mele.

LECCE – Venerdì 21 novembre, alle 18.30 presso la libreria Liberrima, è in programma la presentazione di un volumetto assai particolare. Il titolo è Se l’ozio è il padre di figli, lo zio è il padre dei cugini, di Simone Mele. In questa intervista l’autore racconta come è nata l’idea di giocare con le parole. Di certo il risultato che ha ottenuto lo colloca tra le penne più originali dell’anno che si sta per concludere: Mele ha contaminato la nobile tradizione del calembour con una carica evasiva e quasi malinconica che fa della risata una via di fuga. E grazie alla collaborazione di alcuni amici, sforna con cadenza settimanale dei brevi video in cui è protagonista delle sue stesse battute.

Simone, non ti offenderai se vado dritto al punto. La tua ironia demenziale si è trasformata in un libricino che sta avendo grande successo in città. Come te lo spieghi?

Il successo? Sicuramente le conoscenze hanno giocato un ruolo importante, ma limitarmi a questo sarebbe banale, se un prodotto fa schifo nemmeno gli amici lo comprano o al massimo lo fanno e poi te lo tirano dietro. Credo che la risposta giusta sia che in questo periodo la gente ha un profondo bisogno di ridere, me ne accorgo quotidianamente on the road. Ricordo l'sms di una mia lettrice che recitava: “Simone, tu fai beneficenza". Questo è gratificante.

Chi ti conosce sa che hai sempre avuto la stoffa per un certo tipo di battute. Ma come è nata l’idea di farne un prodotto editoriale e ora anche multimediale?

Questo credo sia il primo libro frutto di un’esigenza non dello scrittore ma dei suoi amici. L'esasperazione provocata dal ritmo incalzante delle mie freddure li ha letteralmente costretti a spingermi verso la pubblicazione. Alcuni di essi si sono addirittura sobbarcati i costi della stampa. Per quanto riguarda la multimedialità è un processo naturale che può consentirmi l'uscita dalle mura cittadine.

simone_libro-2Ti piace giocare con le parole. Le vivisezioni, le scomponi, le attraversi fino a sovvertirne il significato comune. Almeno da queste parti è un’operazione inedita. Ti sei ispirato a qualcuno?

Certamente il Bergonzoni prima maniera è stato un punto di riferimento, ma riflettendo come fossi uno specchio, posso affermare che questo processo di vivisezione delle parole come lo definisci tu sia un difetto di fabbrica che io chiamo un dono. E' il mio modo di fuggire da una realtà a volte scomoda o difficile da comprendere, mi basta spostare un accento per far saltare i canoni classici di lettura dell'esistenza, e sono io il primo a riderne.

La tua campagna di autopromozione, con video on the road a costo praticamente zero, è un altro aspetto originale di questa storia. Secondo te che tipo di cambiamento è in atto nella comunicazione?

Totale, e questo se da un lato é positivo dall'altro permette a tutti di pensare di poter fare tutto con effetti pericolosi, certo poi decide il pubblico se una cosa va o non va, ma questo e un argomento delicato che richiede una riflessione più approfondita.

Hai qualche idea in cantiere?

Più di una, insieme alla mia squadra stiamo per sfornare una ristampa natalizia dando la possibilità a chi a già comprato il libro di poter fare un regalo di natale a basso costo e a risultato garantito, continueremo sicuramente con i video e in cauda venenum, siccome dopo un libro del genere l'alternativa è il monastero o il cabaret, sto iniziando a scrivere qualche monologo da esportare in locali, teatrini e poi chissà, tenendo presente che le mie freddure inizialmente venivano tramandate dal sottoscritto per via orale, alla Socrate..

Regala ai lettori di LeccePrima una battuta in esclusiva. Altrimenti non ti pubblico questa intervista.

Vi faccio un regalo direttamente dall'Ozio é il padre dei vizi 2 che è in cantiere: cosa fa un giornalista arrendevole? Si rassegna stampa.

Guarda il video di "B a B - boscaioli al bar"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento