Giovedì, 29 Luglio 2021
Cultura

Nel palcoscenico diffuso di Palmariggi quarta edizione delle "Puteche aperte"

Sabato 13 e domenica 14 luglio, le viuzze del centro storico diventeranno il luogo di uno degli appuntamenti più attesi dell'estate salentina, con l'atmosfera della antiche "puteche" di paese. Cultura, musica ed enogastronomia

Dalla scorsa edizione

PALMARIGGI - Sabato 13 e domenica 14 luglio lo spettacolare dedalo di viuzze del centro storico di Palmariggi, con il suo irripetibile equilibrio di basolati, pietra leccese e calce bianca, ritornerà a trasformarsi per due giorni nel palcoscenico diffuso di uno degli appuntamenti più attesi dell’estate salentina: la quarta edizione di “Puteche Aperte”.

Come da tradizione, l’appuntamento organizzato dall’associazione culturale “Mons Jovis”, con il patrocinio di Regione Puglia, Provincia di Lecce, Comune di Palmariggi e Pro Loco Montevergine, farà rivivere l’atmosfera delle antiche puteche di paese, attraverso la degustazione di pietanze, rigorosamente a Km. 0, che mantengono intatti i profumi ed i sapori delle antiche ricette dell’arte culinaria salentina, fatte di pesce fritto, “fave e cicureddhre greste”, arrosti, salumi e formaggi locali e, per chi ama il dolce brivido della roulette salentina, con la possibilità di “puntate” vincenti sul buon vino nostrano.

Puteche aperte vuole infatti regalare ai tantissimi visitatori un salto a ritroso nella storia dei paesi e, proprio, come tanti anni fa, far ripercorrere le sere di estate di un tempo, quando si aprivano le porte delle “puteche de mieru”, frequentatissimi luoghi di culto pagano, dove si osannava il dio Bacco e si saziava l’atavica arsura dei nostri nonni tra un giro e l’altro della versione salentina della roulette, u “patrunu e sutta”, dove il rosso ed il nero erano i colori dei “menzi quinti” in palio, e le fiches venivano incassate dai vincitori direttamente in “liquidi”, accompagnando la “riscossione” con lupini, pittule, bruscatizzi e pisce frittu che portava con sé ancora intatto il profumo del mare.

La promozione delle tradizioni passa anche attraverso il “concorso dell'olio paesano”, nato con l’obiettivo di premiare il “miglior olio senza etichetta”, ed a cui potranno partecipare tutti i piccoli produttori locali e le famiglie di Palmariggi che producono olio per consumo personale e familiare.  L’edizione 2013 di Puteche Aperte ospiterà un convegno sull’olio d’oliva salentino: si discuterà di qualità e valori nutrizionali. Relatori saranno dottoressa biologa nutrizionista Lucia Serrone, il dottor Stefano Spagnulo, biologo antropologo dell’alimentazione, Carmine Negro, Fisiologo Vegetale. Esperti Aprol Lecce proporranno ai partecipanti una prova dimostrativa di assaggio. Domenica 14 luglio alle ore 20,30 presso il fossato del Castello, il professor Gianni Seviroli presenterà il suo libro “Il Poeta Buongustaio” una raccolta di trenta ricette della tradizione culinaria regionale e nazionale italiana riproposte dall’autore in chiave fantastica, in una via di mezzo tra poesia e gastronomia. La presentazione sarà accompagnata da NAPOLINARIA con le più belle canzoni di Napoli.

Puteche aperte” si connota quindi sempre più come strumento e momento di promozione del territorio e vuole essere un volano per la diffusione del saper fare dei salentini, anche attraverso una esposizione di lavori in ferro battuto, ceramica, pietra e pietra leccese realizzati da maestri salentini, nonché prodotti di enogastronomia locale. Nella terra della taranta non può esserci festa senza ritmo, ed è quindi naturale che l’atmosfera delle due serate sia riscaldata e movimentata dalla suggestiva musica tradizionale salentina.

Ai tantissimi visitatori, non ci resta quindi che augurare due bellissime serate, con la promessa di accoglierli con le porte spalancate dell’ospitalità e delle buone tradizioni salentine e con l’atmosfera riscaldata e movimentata dagli ipnotici ritmi dei gruppi “L’Amanti de Baccu” e “P40” che si esibiranno in entrambe le serate fra la piazza principale e le vie del centro storico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel palcoscenico diffuso di Palmariggi quarta edizione delle "Puteche aperte"

LeccePrima è in caricamento