Martedì, 3 Agosto 2021
Cultura

Raffaella Lecciso: "I ricordi, il lavoro e i sogni"

Abbiamo intervistato Raffaella Lecciso, nota per le sue comparse televisive e da anni responsabile dell'Ufficio Marketing di "Canale Otto", tra gli amarcord del passato e le aspirazioni future

Raffaella Lecciso.

Il pomeriggio è caldo e assolato. Una classica giornata di inizio primavera, in un orario in cui le vie del centro di Lecce si affollano di gente, impegnata in sbirciatine e puntatine nei negozi, che si condensa con il frenetico passo di lavoratori e teenager in libera uscita. I tavolini allestiti all'esterno dei luoghi di ritrovo in centro brulicano di giovanotti e all'ombra della colonna di Sant'Oronzo, sorseggiando un drink, incontriamo Raffaella Lecciso, volto e nome noto in città, che abbiamo voluto conoscere in un'intervista, scivolata in una chiacchierata nella quale abbiamo sviscerato profili poco conosciuti di Raffaella: la personale quotidianità di una "donna manager".

Raffaella, infatti, ci precisa da subito quale sia il suo "lavoro serio": "Responsabile dell'ufficio marketing dell'emittente televisiva privata Canale 8, un impegno che porto avanti da sei anni, e che mi affascina tantissimo, perchè una televisione locale deve rappresentare un fondamentale veicolo di promozione e di crescita per il territorio, di concerto con gli enti locali. Un lavoro, che scindo con tutte le apparizioni fatte in passato in televisione, per me, un semplice momento di divertimento. Le comparse sul piccolo schermo continuano, seppur saltuariamente, ma io non mi lascio scomporre, perché considero quell'esperienza una parentesi di cui potevo fare anche a meno, e che nel contempo non dimentico. Mi sono divertita, trovavo un gioco, "l'accanimento" della gente nei confronti miei e di mia sorella". Loredana, ovviamente, show-girl ed ex-compagna del cantante Al Bano, con la quale Raffaella "ha avuto e continua ad avere un rapporto strettissimo, molto, molto forte, e seppur diverse per carattere e indole, nutriamo l'una per l'altra una forma di dipendenza".

Legame empatico, che lega Raffaella anche al padre, alla madre, al fratello Luca e alla sorellina Amanda di 20 anni, la baby di casa Lecciso "che studia Giurisprudenza e che non intende intraprendere la carriera televisiva" ci confessa Raffaella. Un pò come la figlia di Raffaella, Federica, partorita giovanissima. "Mi sono sposata ad appena 18 anni, con Toti Bellone, noto giornalista de "La Gazzetta del Mezzogiorno, con il quale nonostante la differenza d'età, ho un rapporto di reciproco rispetto che aiuta a stare bene e a corroborare nel tempo l'affetto". "Con Federica, sempre molto critica nei mei confronti, ho instaurato un feeling molto più vicino al vincolo tipico della sorella maggiore con la più piccola, che al canonico legame di madre-figlia, tant'è che a volte non riesco a decifrare chi tra le due sia la sorella più grande".

"Appena Federica ha incominciato a frequentare la scuola materna, mi sono iscritta alla facoltà di lettere e filosofia dell'Università di Lecce e dopo uno stop di qualche anno, ho ripreso gli studi con il traguardo della laurea ormai prossimo, distante due esami e la tesi". Riannodando il nastro di quegli anni, Raffaella ci confida un piccolo rimpianto. "Pur avendo frequentato l'Università e le lezioni, mi sono mancati i classici anni universitari vissuti fuori casa. Un'esperienza che avrei voluto provare in qualche piccola cittadina, perchè la vita universitaria, a Lecce, dieci anni fa, era ancora una chimera". L'intervista scivola senza pause, come una chiacchierata, in cui il cronista non ha bisogno di controllare una scaletta preventivamente elaborata per evitare clamorose gaffe. Un giovane di colore si avvicina ed esibisce un faldone di libri, con tema la letteratura del Senegal che la nostra interlocutrice spulcia interessata, prima di acquistare un opuscolo, "anche se le mie letture preferite rimangono i romanzi italiani, in particolare i libri di Giovanni Verga".


Proprio come per i gusti culinari, sui quali Raffaella no ha dubbi. "I miei piatti preferiti rimangono i tipici ingredienti della nostra terra. A tavola non riesco a resistere alla classica parmigiana. Mi piace anche dilettarmi davanti ai fornelli, in particolare nel fine settimana, organizzando lunghe tavolate da consumare con gli amici". "Il rapporto altalenante con la cucina rispecchia, pressapoco, il mio carattere". Segno zodiacale della Vergine, Raffaella si ritrae come "una donna un po' umorale, fondamentalmente allegra, caratterizzata da pochi e brevi momenti di tristezza, impercettibili e di rapida dissoluzione, contenta di tutto quello che la vita mi ha riservato e con un'aspirazione quotidiana: continuare a fare bene nel mio "lavoro serio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffaella Lecciso: "I ricordi, il lavoro e i sogni"

LeccePrima è in caricamento