Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cultura

Rudiae, uno “sguardo” sulle nuove scoperte nel sito messapico e romano

Domani appuntamento nella sala “Open space” di Palazzo Carafa, per l’illustrazione degli interessanti ritrovamenti effettuati nel corso dei recenti scavi. Sarà inoltre spiegato il progetto del polo didattico di archeologia in loco

LECCE - Le nuove, straordinarie scoperte, effettuate dall’Università del Salento in collaborazione con la Soprintendenza ai beni archeologici, nel corso dei recenti scavi nel sito della città messapica e romana di Rudiae (a ridosso della periferia di Lecce, ai lati della “via vecchia Copertino”) vengono illustrate e presentate al pubblico.

Domani, infatti, è in programma  un appuntamento ufficiale, alle ore 18, nella sala “Open space” di Palazzo Carafa, in piazza Sant’Oronzo. Nel corso della serata, si alterneranno tre relatori: Marcello Guaitoli, docente di topografia dell’Italia antica, che illustrerà le monumentali strutture delle fortificazioni messapiche databili tra IV e III secolo avanti Cristo; Francesco D’Andria, docente di archeologia e storia dell’arte greca e direttore della scuola di specializzazione in archeologia, che parlerà della scoperta dell’anfiteatro, uno dei più antichi del mondo romano, databile tra II e I secolo avanti Cristo.

Ultimo intervento affidato a Pasquale Rosafio, epigrafista e docente di storia romana, che illustrerà il significato di un’iscrizione, quasi dimenticata, murata nel palazzo baronale di Monteroni in cui si cita il municipio di Rudiae. Sarà, inoltre, presentato il progetto, in corso avanzato di realizzazione a Rudiae, del polo didattico dell’archeologia per gli studenti delle scuole medie.

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rudiae, uno “sguardo” sulle nuove scoperte nel sito messapico e romano

LeccePrima è in caricamento