Martedì, 16 Luglio 2024
L'evento / Otranto

Otranto, solstizio d’estate nella cattedrale: il sole si proietta sull’antico mosaico

Il prossimo 21 giugno nella basilica idruntina il suggestivo appuntamento che si rinnova dal lontano 1165

OTRANTO – Il solstizio d’estate nella cattedrale e la luce del sole proiettata sull’antico mosaico: il 21 giugno, a Otranto, si rinnoverà il suggestivo appuntamento. Nel giorno in cui inizia l’estate, la basilica idruntina e il suo meraviglioso mosaico invitano allo stupore per il singolare fenomeno dell’allineamento dei raggi del sole sul maestoso tronco dell’albero.

Un appuntamento che si ripete dal lontano 1165, anno in cui il presbitero Pantalone completò, con l’ultima tessera lapidea, un pavimento musivo di circa 600 mq. Così, nel giorno più lungo dell’anno, il tessellatum e la Basilica celebrano insieme la fusione di natura e arte, bellezza e promessa d’eternità, luce e pietra, cielo e terra, per narrare l’universale storia della salvezza in un ideale percorso di iniziazione cristiana.

L’evento, giunto quest’anno alla terza edizione, rientra nelle attività di valorizzazione e fruizione del ricco patrimonio religioso di cui la chiesa di Otranto è custode. Anche la presentazione dell’importante progetto di multimedialità si inserisce tra gli interventi che l’Ufficio diocesano per l’Arte sacra e i Beni culturali ha realizzato in questi ultimi anni.

La pietra di Otranto è l’ambiziosa iniziativa che, insieme alla digitalizzazione completa del mosaico, restituisce alla fruibilità (grazie alle immagini sferiche a 360°) anche l’interno della Basilica, il museo diocesano, la chiesa di S. Pietro, il complesso ipogeo, i frammenti dell’antico mosaico paleocristiano di cui si propone anche un'interessante ipotesi ricostruttiva.

Arte, cultura, inclusività e tecnologia sono dunque i solidi pilastri su cui La Pietra di Otranto si basa, traendo la sua linfa vitale dall’immersività di un’esperienza culturale totalizzante posta al servizio della comunità.


Il programma

Presentazione di Candida Stefanelli, interventi di Ada Toni e Marco Stucchi. Saluti dell’arcivescovo Francesco Neri.

Musiche e canti a cura del Coro diocesano diretto dal maestro don Biagio Mandorino. Coreografie della Scuola di danza “Tutti in scena” di Otranto. A conclusione, presentazione del video La Pietra di Otranto di Elena Bastianni A seguire, visita gratuita del rinnovato museo diocesano fino alle ore 13 e dalle 16 alle 19, percorso guidato per gruppi contingentati a venti persone.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Otranto, solstizio d’estate nella cattedrale: il sole si proietta sull’antico mosaico
LeccePrima è in caricamento