Assistenza legale gratuita per migranti, a Leverano apre uno sportello solidale

Attivo presso l'associazione Mujmunè, in via Roma, tutti i martedì dalle 17 alle 19: due legali forniranno consulenza per permessi di soggiorno, ricorsi a altro. Si tratta di una delle iniziative promosse dell'associazione di promozione sociale Oikos

Migranti a bordo di una motovedetta.

LEVERANO – Assistenza legale per migranti, tutti i martedì, dalle 17 alle 19. Un nuovo servizio sarà attivo da domani, 5 marzo, presso l’associazione Mujmunè, a Leverano (via Roma 25): si tratta di uno sportello gratuito, al quale non è necessario esibire documenti e dove i richiedenti potranno discutere con Patrizio Vantaggiato e Gabriele Muci, avvocati, di questioni concernenti il permesso di soggiorno, i ricorsi per decreti di espulsione e i problemi legati in generale alla condizione giuridica.  Sempre presso l’associazione è stata attivata una scuola di italiano per stranieri.

I due progetti - a cura dell’associazione di promozione sociale Oikos -, in collaborazione con Mujmunè e Alteramente rientrano nel più grande progetto “Migdal Bavel, dialogo interculturale partecipato”, sostenuto dalla Regione Puglia, servizio Politiche giovanili e Cittadinanza sociale. Lo sportello legale è stato intitolato a Jerry Masslo, rifugiato sudafricano in Italia e assassinato a Villa Literno da una banda di criminali nel 1989. Fu la sua storia a dare l’incipit alla riforma della normativa sul riconoscimento dello status di rifugiato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oikos ha anche organizzato un corso di fotografia partecipata per bambini, che si svolgerà presso la scuola “Giovanni Falcone” di Copertino, e le iniziative “Pane nostro” e “Orto nomade”. Katia Manca, responsabile del progetto Migda Bavel, che in ebraico significa Torre di Babele, ne spiega lo scopo principale: “Intendiamo alimentare il sapere, saper essere, saper comunicare, mettendo in atto azioni interazionali di adattamento reciproco che promuovano l’ascolto attivo e la negoziazione dei significati, evitanto i pericoli di un’eccessiva semplificazione". Le azioni del progetto interesseranno i Comuni di Otranto, Leverano, Copertino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Intervento di riduzione dello stomaco, muore in casa dopo un malore

  • Cinque tamponi positivi al Covid-19, due per residenti in provincia di Lecce

  • Tenta rapina nel market, ma il cassiere reagisce. Arrestato dopo la fuga

  • Operazione “San Silvestro”, droga dall’Albania, scattano nove arresti

  • Spaccio di stupefacenti, armi e rapine, in 23 davanti al giudice

Torna su
LeccePrima è in caricamento