Domenica, 13 Giugno 2021
Cultura

"Taranta Nera. Il Salento incontra l'Africa"

Officine Zoè divide il palco con Baba Sissoko, Mamani Keita e Sourakhata Dioubate per uno spettacolo prodotto con il sostegno di Puglia Sounds

student_ingresso_retro-3

LECCE - Venerdì 28 ottobre (ore 21.30 - ingresso 6 euro) le Officine Cantelmo di Lecce ospitano la prima assoluta di "Taranta Nera. Il Salento incontra l'Africa" spettacolo a cura di Marsab Music Management prodotto in Puglia con il sostegno del progetto Puglia Sounds - PO FESR Puglia 2007-2013 Asse IV. Sul palco il gruppo salentino Officina Zoè (composto da Cinzia Marzo, voce, flauti, tamburello; Donatello Pisanello, organetto diatonico, chitarra, mandola; Lamberto Probo, tamburello, tamborra, percussioni salentine varie; Silvia Gallone, tamburello, tamborra, voce; Giorgio Doveri, violino, mandola; Luigi Panico, chitarra, mandola, armonica a bocca) incontra Baba Sissoko, originario del Mali, discendente da una grande famiglia di Griots, figure erranti che detengono e tramandano il sapere, la tradizione, la storia e la cultura locale; Mamani Keita, cantante maliana che vive e lavora a Parigi, esibendosi con i principali artisti africani, Sourakhata Dioubate, musicista di origine guineana e strumentista di grande abilità. Proveniente da una famiglia di Griot, è riconosciuto come abile e virtuoso del djembè.

Due luoghi del Sud del Mondo, entrambi depositari di tradizioni millenarie fondate sulle forme artistiche umane più semplici e quindi più profonde: le voci e le percussioni. Le voci come comunicazione ed espressione: così come le voci dei griot portano le notizie nei villaggi sperduti della savana, i canti di lavoro delle donne salentine scandiscono il duro lavoro nei campi. Le percussioni come battito vitale della terra e delle cerimonie: così come i tamburi africani fungono da veicolo di comunicazione e di transe nelle cerimonie tribali, il battito del tamburello salentino scandisce da tempi immemori le cerimonie di guarigione dal morso della taranta e portano fino a noi i ritmi dei riti dionisiaci. Un incrocio al Sud quindi, per un incontro originale e coinvolgente in cui la pizzica tarantata incontra i ritmi africani, la frenesia dei tamburelli dialoga con il talking-drum, il canto griko si fonde con la tradizione orale dei griot del Mali.


Dopo la prima delle Officine Cantelmo lo spettacolo sarà replicato sabato 29 ottobre all'Auditorium Flog di Firenze (Festival Musica dei Popoli) e lunedì 31 ottobre al Teatro Giacosa di Aosta. Lo spettacolo musicale Taranta Nera è prodotto in Puglia con il sostegno del progetto Puglia Sounds - PO FESR Puglia 2007-2013 Asse IV, il programma per il sostegno e lo sviluppo della produzione musicale che la Regione Puglia, Assessorato al Mediterraneo e Assessorato al Turismo nell'ambito del Programma Operativo FESR (Fondo Europeo Sviluppo Regionale) Asse IV, ha affidato al Teatro Pubblico Pugliese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Taranta Nera. Il Salento incontra l'Africa"

LeccePrima è in caricamento