Cultura

Terzapagina. Quale Europa? Ciclo di incontri sul futuro delle Istituzioni europee

È questo il titolo di una rassegna a cura di Francesca Lamberti e Ubaldo Villani-Lubelli in collaborazione con Europe Direct del Salento: dal 27-28 marzo una serie di dibattiti e presentazioni tematici sul tema dell'Unione europea

@TM News/Infophoto

LECCE - “Quale Europa? Ciclo di incontri sul futuro delle istituzioni europee” è il titolo di una rassegna a cura di Francesca Lamberti (ordinario di Diritto Romano all’Università del Salento) e di Ubaldo Villani-Lubelli (assegnista di ricerca in Storia delle Istituzioni politiche e parlamentari all’Università del Salento) in collaborazione con Europe Direct del Salento. Il ciclo di incontri consiste in dibattiti e presentazioni di libri sul tema dell’Europa. Si parte giovedì 27 e venerdì 28 marzo con i primi tre incontri tematici.

L'Unione Europea è posta duramente alla prova dalla crisi della moneta unica e dal crescente sentimento di disaffezione popolare nei confronti delle istituzioni  europee. La rassegna di incontri intende approfondire il tema dell'Europa prendendo in considerazione tre ambiti di discussione: il ruolo del Mediterraneo, il ruolo dell'Italia, come dobbiamo pensare l'Europa del futuro e il ruolo della Germania, un Paese che più di ogni altro è al centro delle polemiche attuali.

L'intento della rassegna è duplice: in primo luogo, si propone di discutere di Europa oltre i pregiudizi e i luoghi comuni mettendo in risalto che solo valorizzando e investendo ulteriormente nel progetto europeo è possibile uscire dalla crisi economica, politico-istituzionale e culturale. In secondo luogo si intende sensibilizzare e far conoscere sia la storia delle istituzioni europee che l'attuale struttura giuridico-istituzionale dell'Unione Europea, che i risvolti di politica economica che attualmente occupano primariamente le cronache, al fine di invitare i cittadini alla più ampia partecipazione democratica in occasione delle prossime elezioni europee.

Si parte giovedì 27 marzo. Alle 12, nell’aula R21 della Facoltà di Giurisprudenza presso l’Ecotekne, Pier Virglio Dastoli e Roberto Santaniello terranno una lezione su La storia dell’integrazione europea e il ruolo dell’Italia. Interverranno Pier Virglio Dastoli (Presidente del Movimento Europeo Italia e consigliere del Gruppo Spinelli) e Roberto Santaniello (funzionario europeo nella direzione comunicazione della Commissione europea), Francesca Lamberti (Ordinario di Diritto Romano,  Unisalento), e Susanna Cafaro (professore associato di Diritto dell’Unione Europea, Unisalento).

Alle ore 18 presso la Libreria Liberrima: presentazione del volume C’eravamo tanto amati. Italia, Europa e poi? Interverranno Pier Virglio Dastoli e Roberto Santaniello, Francesca Lamberti, Ubaldo Villani-Lubelli (assegnista di ricerca all’Università del Salento), Simona Ciullo (Movimento Federalista Europeo), Susanna Cafaro. Il volume parte dalla quotidianità dei commenti sul futuro dell’Europa, nell’accentuarsi della crisi: mentre si affrontano importanti scadenze, il 2013 viene dichiarato Anno europeo dei cittadini e si celebra il ventennale dell’entrata in vigore del Trattato di Maastricht.

Il libro è una sorta di «diario di bordo» per capire e farsi un’opinione che non sia solo di pancia: il viaggio comincia proprio con le gioie e i dolori legati al Trattato di Maastricht. Si percorrono poi i successi e i fallimenti, la crisi arrivata dagli Stati Uniti, che ripropone il tema di una governance economica perduta (o mai trovata). L’evaporazione del consenso popolare e la sfiducia dei mercati costringono in qualche modo a riaprire il cantiere Europa, ma gli architetti sono incerti sulla ristrutturazione da fare, sulle ditte da coinvolgere, sui tempi di consegna e anche sui futuri inquilini. Eppure non bisogna fermarsi: gli autori delineano come è possibile procedere.

Venerdì 28 marzo. Convegno L’Europa che vogliamo alle Officine Cantelmo (ore 10). Intervengono: Tonia Mastrobuoni, giornalista italo-tedesca, che si occupa di economia internazionale per La Stampa dal 2011 ed inviata a Berlino; Vittorio Boscia, prorettore dell'Università del Salento e professore ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari nella Facoltà di Economia “Antonio de Viti de Marco” dell’Università del Salento; Patrizia Messina, professore associato Università di Padova, direttore del Centro Interdipartimentale di ricerca sul Nord Est "Giorgio Lago" e presidente dell'associazione M.a.s.Ter; Pier Virgilio Dastoli e Roberto Santaniello, entrambi autori del libro "C'eravamo tanto amati. Italia, Europa e poi?", Paolo Perrone, sindaco del Comune di Lecce, città candidata  a Lecce Capitale della Cultura per il 2019.

Prossimi incontri:

7 aprile - Rettorato, ore 10,30

Il Mezzogiorno nell’Europa verso il 2020

Intervengono: Andrea Conte, economista presso la Commissione europea; Emanuele Itta, Consigliere della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed economista. Introducono: Francesca Lamberti e Ubaldo Villani-Lubelli.

5 giugno – Liberrima ore 18,00

Il modello Germania, l'Italia e la crisi europea. Presentazione di Cuore tedesco. Il modello Germania, l'Italia e la crisi europea, Donzelli 2014. 

IntervienE Angelo Bolaffi, filosofo della politica e germanista, dal 2007 al 2011 è stato direttore dell’Istituto di cultura italiana di Berlino. Introducono Francesca Lamberti e Ubaldo Villani-Lubelli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terzapagina. Quale Europa? Ciclo di incontri sul futuro delle Istituzioni europee

LeccePrima è in caricamento