Terzapagina. "Tam!, in arrivo il nuovo progetto discografico dei Mascarimirì

Uscirà ufficialmente sabato 22 febbraio il disco del gruppo, guidato da Claudio "Cavallo" Giagnotti, con la produzione di Dilinò e promosso con il sostegno di Puglia Sounds Record. Te appuntamenti per festeggiare il nuovo lavoro

LECCE - Uscirà il prossimo 22 febbraio "Tam!", il nuovo progetto discografico dei salentini Mascarimirì, prodotto da Dilinò e promosso con il sostegno di Puglia Sounds Record: un viaggio tra suoni e strumenti delle tradizioni del sud Italia, che porta in tutto il mondo i suoi ritmi grazie alla semplicità di un tamburo a cornice, di una lira calabrese, di un organetto e di voci dalla melodia antica, ma riconoscibile.

Per festeggiare il disco, il gruppo, guidato da Claudio “Cavallo” Giagnotti, terrà tre appuntamenti: si parte venerdì 21 febbraio, alle 18, con l'incontro di presentazione presso le Officine Ergot di Lecce, alla presenza dei musicisti e di tutto lo staff che ha collaborato alla realizzazione del disco. Alle 22, appuntamento al Moonlight di Muro Leccese con un djset dei Mascarimirì con la partecipazione di dj Click, ospite del cd.

Sabato 22 febbraio (ore 22 - ingresso 5 euro riservato ai soci ) all'Arci Guernica di Arnesano, lunga serata con il dj set di Beriut World Beat e il concerto della band affiancata sul palco da Marcello de Carli e Roberta Palumbo. In chiusura spazio a Dj Click. Domenica 23 febbraio, infine, selezioni pomeridiane dei Mascarimirì al Porticciolo di Torre Sant'Andrea.

Viaggiare, incontrare, sperimentare sono da sempre tre parole chiave nel lavoro dei Mascarimirì che, dopo Gitanistan (Dilinò, 2011) articolato lavoro sulle comunità rom salentine, tornano a confrontarsi con la loro tradinnovazione. Nel corso degli ultimi mesi il gruppo ha affiancato all'attività live una serie di campagne di ricerca nelle regioni dell'Italia del Sud, effettuando numerose registrazioni sul campo in Calabria, Campania, Salento, Gargano, Sicilia e Sardegna. Come in passato i grandi musicologi e antropologi, i Mascarimirì sono tornati nelle terre di tradizione e di festa per capire cosa è cambiato nel corso degli anni.

Un lungo e articolato viaggio che ha toccato numerose tappe sonore: la festa rom-calabrese di Riace, dove nella notte dei Santi Cosma e Damiano, i Rom provenienti da tutto il Sud Italia vegliano a ritmo di tarantella calabrese; Carpino, paese famoso nel mondo per la Tarantella del Gargano o, come la chiamano i paesani, tarantella di Carpino, per registrare le grandi figure della tradizione e i giovani che con rispetto portano avanti i canti del Gargano; e ancora le feste campane dedicate alla Madonna nei riti delle Tammurriate, a Tenores in Sardegna con il tradizionale canto e in Sicilia seguendo i ritmi della Tarantella, cercando di confrontare fra loro i suoni di strumenti le cui origini si perdono nel tempo, come lu maranzanu e fiscalettu, e coniugandoli con i groove moderni. Inoltre i Mascarimirì, per la prima volta, trattano i testi dei nuovi brani in una maniera diversa e “fondamentale” per questo lavoro.

“Sentiamo il desiderio di parlare e comunicare attraverso la nostra parola tradizionale - sottolinea Claudio Cavallo Giagnotti -. Fondamentale per questo nuovo progetto, infatti, è il lavoro che stiamo portando avanti con Giovanni Epifani, il quale, secondo me, è un paroliere salentino autenticamente tradizionale. Sul ritmo del tamburreddhu salentino cerchiamo di far arrivare i nostri pensieri su una tradizione che sta perdendo i suoi linguaggi originari".

"Tam! è stato anticipato nell’estate 2013 dal brano Ballu che parla della confusione che oggi esiste sui termini che identificano la musica salentina. Ad esempio - prosegue - la parola Taranta è una parola inventata, non esiste come termine musicale, mentre la musica da ballo in Salento si chiama Pizzica Pizzica e lo strumento principale usato è un tamburo a cornice che in dialetto salentino si chiama Tamburreddhu”.

Tam! è un lavoro che punta a valorizzare proprio questo strumento che, con la sua sonorità, caratterizza una tradizione musicale che inevitabilmente nel tempo viene dimenticata. Parallelamente al nuovo cd, infatti, i Mascarimirì mettono in moto il progetto “Tamburreddhu o Tamburello”, un’idea nata per riflettere su come sia cambiato negli anni il suono del tamburo a cornice salentino cercando, insieme a costruttori, musicisti e operatori culturali, di far conoscere la storia dello strumento principe della propria terra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Mascarimirì sono Claudio “Cavallo” Giagnotti (voce, fiati etnici, tamburreddhu, tamburi), Vito Giannone (voce, mandolino elettrico, tres), Alessio Amato (voce, programmazioni, syinth), Dario Stefanizzi (fiati). Ospiti nel cd il cantante salentino Cosimo Giagnotti, il fotografo e voce recitante Fernando Bevilacqua, la cantante Roberta Palumbo e il chitarrista Roberto Menonna, entrambi del Gargano, l’organettista Paolo Paviglianiti e il tamburellista Lorenzo Paviglianiti del gruppo calabrese Mutraka, il suonatore di marranzano Giorgio Maltese della band siciliana I Beddhi e il percussionista salentino Paolo Pacciolla. Dj Click cura invece il remix della Tarantella di Sannicandro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento