Martedì, 27 Luglio 2021
Cultura

Terzapagina. Veneziano e la "Didattica della comunicazione verbale e non verbale"

Un libro, edito da Besa, che si impegna a connettere tali differenti tensioni, illustrando le strategie più innovative di gestione, nella classe, e valorizzando il rapporto che intercorre tra fonetica, ortografia e sintassi

LECCE - E se fosse uno sguardo (o una pacca sulla spalla, un'intonazione più attraente) a rafforzare l'apprendimento e il coinvolgimento cognitivo dei nostri alunni? E se un difetto di postura, una gestione sciatta del nostro corpo (anche del nostro abbigliamento), un modo poco espressivo di impartire una lezione si traducessero pericolosamente in disaffezione-distanza-indifferenza?

E se tutto ciò infine – questa volta però da parte dei nostri alunni: un loro sguardo spento, un loro equilibrio fisico precario, una loro monotonia vocale – fosse un segnale per comunicarci un disagio, una patologia, una impossibilità?

"Didattica della comunicazione non verbale e verbale" (Besa editrice) si impegna a connettere tali differenti tensioni: illustrando le strategie più innovative di gestione – nella classe – dei meccanismi preverbali e non verbali; valorizzando il rapporto tra fonetica, ortografia e sintassi; spiegando come respirare e impostare la voce e, consequenzialmente, migliorare la lettura, il dialogo e l'interazione con gli alunni. Un invito a padroneggiare una didattica (anche) espressiva, affettiva, onnilaterale.

Corrado Veneziano ha insegnato linguistica e didattica della lingua italiana e dei suoi dialetti all'Accademia nazionale d'arte drammatica "Silvio D'Amico". Negli stessi anni ha collaborato con l'università statunitense di Harvard (Dipartimento di lingue romanze) dirigendo seminari e lezioni sugli elementi espressivi e prosodici della lingua italiana.

Attualmente, su mandato dell'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro", nella quale è incardinato, collabora con le attività formative dell'Università La Sapienza di Roma (Cattedra di Pedagogia, Facoltà di Medicina e Psicologia). Autore per Besa, Giunti, Gremese, Laterza, Meltemi, nonché per la Divisione Ragazzi della Rai, ha orientato le sue ricerche più recenti sul rapporto tra didattica, percezione e apprendimento, tra dinamiche espressive e processi di categorizzazione e alfabetizzazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terzapagina. Veneziano e la "Didattica della comunicazione verbale e non verbale"

LeccePrima è in caricamento