Cultura

Un soldato leccese della Grande Guerra

Ritrovati i resti di due soldati della Grande Guerra

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Le riprese per un documentario storico portano alla luce nell’estate del 2015 il cranio e alcune ossa di un soldato. Al secolo di abbandono nei boschi di una località turistica montana, si sommano mesi di dimenticanza delle istituzioni e degli enti preposti alla memoria di tanti eroi per caso, sepolti tra le linee dell’ex fronte.

Il finanziamento di un privato cittadino, sensibile all’inutile strage di inizio secolo scorso, restituisce i dovuti onori ai resti mortali, che ora riposano nel sacrario militare di Asiago. Dal fortuito ritrovamento di un elmetto della prima guerra mondiale, alla riesumazione scientifica di resti mortali: l’attualissima storia patria di un secolo fa, un popolo che ha creduto negli stessi ideali di patria e libertà mercificati e stravolti dai militari e regnanti.

Un resoconto appassionante, che riporta il lettore alla tragicità del conflitto meglio noto con l’alienante e distaccato identificativo di “Guerra del '15-'18”. Tutto ciò verrà ufficialmente presentato alla cittadinanza di San Cesario (LE) il prossimo 22 ottobre, alle ore 17:00 negli spazi della ex Distilleria De Giorgi.

Il finanziamento di Alessandro Gualtieri (storico e ricercatore milanese, www.alessandrogualtieri.it), la consulenza tecnica di Giovanni Dalle Fusine (storico e recuperante vicentino – www.govannidallefusine.it) e il prezioso aiuto dei coniugi pugliesi Buttazzo , pronipoti di un caduto della Grande Guerra, hanno restituito i dovuti onori ai resti mortali, che ora riposano nel sacrario militare Leiten di Asiago.

Si tratta verosimilmente e con buona approssimazione storica e scientifica dei resti di un soldato Leccese, di San Cesario, che nel 1916 partecipò attivamente ai cruenti scontri sull’Altopiano di Asiago, negli ultimi aneliti dell’invasione austro-ungarica che la storia ricorda come “Strafexpedition – la spedizione punitiva” ai danni del nostro Paese.

Il recupero di un così pregnante pezzo di storia nazionale non si è dunque concluso solo con due cassettine in zinco avvolte nel tricolore e l’eco del “Silenzio” in un uggioso 4 novembre. Ciò che è stato finalmente sottratto all’oblio di un’abetaia, potrebbe avere davvero una identità... Note biografiche sugli Autori de “Il Soldato del Lèmerle” Alessandro Gualtieri Alessandro Gualtieri è un prolifico scrittore e storico milanese.

Ha partecipato, in veste di esperto sul Primo Conflitto Mondiale, alla conferenza “La Grande Guerra in Italia” tenutasi recentemente all’Università di Oxford, Regno Unito. Autore di molteplici saggi storici, collabora con RAI Storia, l’Espresso, Radio Popolare, la BBC britannica, lo Stato Maggiore dell’Esercito e la Croce Rossa Italiana. Autore e direttore editoriale del sito internet www.lagrandeguerra.net, Alessandro Gualtieri è impegnato con molteplici organizzazioni, per approfondire, divulgare e preservare la memoria storica del periodo bellico d’inizio del secolo scorso, nonchè presentare i suoi studi in occasione di manifestazioni, commemorazioni, mostre ed eventi tematici in tutt’Italia e all’estero.

Giovanni Dalle Fusine Dal 2007 al 2014 giornalista iscritto all’Albo del Veneto, collabora col quindicinale “Il Giornale L’Altopiano”; pubblica articoli e contributi a carattere storico su riviste a tiratura locale e nazionale. Membro del direttivo del Museo Grande Guerra di Canove (Altopiano di Asiago) e socio dell’Associazione Storica Forte Maso. Coordinatore editoriale del sito www.lagrandeguerra.net per il quale svolge ricerche e approfondimenti storici.

Nel 2014 ha collaborato con il canale televisivo Rai Storia proponendo approfondimenti e servizi dedicati al primo conflitto mondiale. Consulente storico nel 2015 di Ga&A Production per documentari sull’alimentazione al fronte, trasmessi dal canale televisivo History Channel.

Autore di varie pubblicazioni sul primo conflitto mondiale Per ulteriori informazioni: www.alessandrogualtieri.it www.giovannidallefusine.it www.lagrandeguerra.net Pagina Facebook: Il Soldato del Lèmerle Polistampa edizioni Polistampa, con sede a Firenze in via Livorno 8/32, è una realtà significativa nel panorama editoriale italiano. Il suo catalogo è composto da oltre 3 mila titoli, tra letteratura contemporanea, moderna e classica, preziosi cataloghi d’arte, epistolari, drammaturgie, poesia, saggi universitari e accademici, romanzi storici, gialli, romanzi-verità.

Le oltre 100 collane esistenti inquadrano ogni attività umana, dalla medicina all’ingegneria, dall’astronomia alle arti figurative, dalle scienze economiche alla filosofia, dalle discipline storiche alle scienze sociali. Hanno pubblicato con Polistampa: Fernando Botero, Massimo Cacciari, Franco Cardini, Rodolfo Doni, Alessandro Fo, Carlo Emilio Gadda, Pietro Grossi, Emiliano Gucci, Mario Luzi, Fosco Maraini, Alessandro Parronchi, Pier Paolo Pasolini, Antonio Pizzuto, Giuseppe Pontiggia, Angelo Maria Ripellino, Edoardo Sanguineti, Vittorio Sgarbi, Enzo Siciliano, Giovanni Spadolini, Pietro Spirito, Antonio Tabucchi, Giuseppe Ungaretti, Marco Vichi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un soldato leccese della Grande Guerra

LeccePrima è in caricamento