Una donna di nome Gio: l'incontro in memoria di Giò Stajano

  • Dove
    biblioteca comunale Sant'Angelo
    Indirizzo non disponibile
    Gallipoli
  • Quando
    Dal 21/08/2019 al 21/08/2019
    20.30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Mercoledì 21 agosto, alle ore 20:30, la Biblioteca Comunale di Gallipoli ospita l’appuntamento promosso dal Comune di Gallipoli: “Una donna di nome Giò. Tra ricordi, video, poesia e musica, serata dedicata a Giò Stajano”.

Nel corso dell’ evento, creato e organizzato in collaborazione con la nipote Francesca Stajano Sasson  da sempre legata alla zia, si può assistere alla proiezione di "Il Fico del Regime", di Giovanni Minerba e Ottavio Mario Mai, dove Giò Stajano si racconta con intelligenza ed ironia, come lei stessa diceva "da prendere come esempio in mancanza di esempi peggiori".

Un evento in cui emerge il lato poetico di Gió, attraverso le poesie tratte dalla sua raccolta “La terra dei nonni “ e riedite da Manni Editore. Tanti a rendere omaggio a Giò Stajano: dalle  due poetesse contemporanee Nadia Marra e Nadia Puglielli, alle parole del poeta salentino prematuramente scomparso Cosimo Russo, presente con il suo universale messaggio poetico attraverso le parole della madre Luigina Paradiso.

Tra gli ospiti, anche il giornalista Francesco Greco e l'avvocato Antonio Pasca, oltre al regista Presidente e fondatore del GLBT Film Festival di Torino Giovanni Minerba. Le letture sono affidate a Francesca Stajano Sasson, Nadia Marra e Giulia Manco

Note su Giò Stajano: Nata Gioacchino Stajano Starace, conte Briganti di Panico, era la nipote del gerarca fascista Achille Starace. Ha raccontato che, bambina, il nonno la diede in braccio a Benito Mussolini e in quell’occasione fece pipì addosso al duce.

A 12 anni, alla caduta del fascismo, i genitori si separarono; Gioacchino frequenta il collegio dei Gesuiti di Mondragone. Terminato il liceo, si trasferisce a Firenze, dove frequenta l’Accademia d’arte.

Successivamente si trasferisce a Roma e segue alcuni corsi della Facoltà di Architettura. Nel 1956, durante l’edizione annuale della Fiera d’Arte di via Margutta a Roma, Stajano espone i suoi quadri, ottenendo un discreto successo di pubblico. In seguito conosce De Chirico, Guttuso, Moravia, diventa amica di Novella Parigini e inizia a frequentare gli ambienti che poi Fellini racconterà ne La dolce vita.

Nel 1959 pubblica Roma capovolta, un testo autobiografico, che racconta le sue folli scorribande nell’alta società romana e contemporaneamente descrive la realtà omosessuale nell’Italia dell’epoca.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Presentazione di "Fuori orario" di Monica Conforti

    • solo domani
    • Gratis
    • 15 novembre 2019
    • Fondazione Palmieri
  • Lapide in ricordo dell'Istituto tecnico agrario polacco di Lecce

    • 18 novembre 2019
    • Istituto Presta-Columella
  • "Cambiamenti climatici": il convegno a Campi Salentina

    • solo domani
    • Gratis
    • 15 novembre 2019
    • sala conferenze dell’Istituto Calasanzio

I più visti

  • Salento on stage: danza

    • Gratis
    • dal 8 ottobre al 25 novembre 2019
    • Gold’s Gym di Carlo Parisi
  • Santu Martinu a Casa Cupertinum

    • 16 novembre 2019
    • Cupertinum
  • Mino De Santis in concerto a Ruffano

    • 17 novembre 2019
    • Sala Teatro Renata Fonte
  • Fantaroa: un divertente appuntamento per bambini

    • Gratis
    • dal 22 settembre al 17 novembre 2019
    • Villa Comunale "Giuseppe Garibaldi"
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento