Una storia fiabesca intinta di realtà

Presentazione libro "La ragazza che parlava con i colori" di Biagino Sarcinella


Dialoga con l'autore: Luigi Marzano

Interviene Fernanda Cataldo: Poetessa


Interventi musicali:

Chiara Sarcinella: Chitarrista classica

Roberto Vantaggiato: Cantautore


5 maggio 2018 ore 20,00

Casarano , Ingresso libero: via Scoglio di Quarto angolo via Bellini


“C'era una volta”, no! Per la verità “c'è oggi”, l'incipit de “La ragazza che parlava con i colori” è quello di una fiaba, ma una fiaba contemporanea. Con scrittura leggera, chiarezza e semplicità, Biagino Sarcinella ci racconta la storia di Stefania, laureanda prima e laureata poi in psicologia dei colori, del piccolo Lillino, il cane che trasmette colori con gli occhi, di Cassida l'amica innamorata e del suo squallido fidanzato, simbolo della sporcizia e della viltà di un certo sud che si vende al miglior offerente e il miglior offerente sa sempre di potere e di denaro. Tutto il racconto è quello di una lotta, una lotta per la consapevolezza, il momento topico di un'esistenza empatica che si tuffa nella vita, che affronta il sociale, che impara a conoscere l'amore in tutte le sue forme. Prima c'è la spensieratezza, poi l'entusiasmo, poi le vittorie, i successi, infine la rivolta con le sue conseguenze e le sue terribili amarezze. La rivolta verso un mondo ottuso e crudele, pieno di pregiudizi, di tristezze, pregno di potere arrogante, un mondo a cui bisogna sfuggire, un mondo a cui ci si oppone con i colori, con la loro capacità di parlare direttamente all'anima, perché è dall'anima che essi vengono, un mondo dominato dal grigio e dal nero dove l'uno è mesta rappresentazione della mediocrità e del conformismo, l'altro assenza di luce interiore, orrore della rapina.
Ma non fraintendiamo! Il racconto nemmeno per un attimo cade nella noia della rassegnazione, anzi, al contrario è un racconto festoso, come le mille pennellate su cui scivola, si respira aria allegra, gioia di vivere. Pur trattando di precarietà, conformismi e pregiudizi, pur descrivendo i peggiori meccanismi che segnano l'oppressione quasi feudale in cui il sud versa, la scrittura è lieve e sorride tra pennellate di rosso e schizzi di blu, tra distese di arancione e macchie di violetto, così che il lettore ha una visione leggera, svolazza tra pennelli e vernici e, intanto, si imbeve dei sentimenti, delle verità di un'esistenza che non vuol farsi corrompere, un'esistenza che non si da per vinta e trova la sua via tra i colori e l'amore.

Luigi Marzano

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • "Argo": incontri ravvicinati

    • Gratis
    • dal 26 June al 30 October 2020
    • online
  • Sulla soglia: frammenti di Cupa a Campi Salentina e Novoli

    • Gratis
    • dal 4 al 6 August 2020
    • Novoli
  • Al via il Salento Book Festival

    • dal 3 al 8 August 2020
    • Aradeo, Galatone, Gallipoli, Galatina e Corgliano d’Otranto

I più visti

  • “Clown”: la mostra di Franco Baldassarre

    • dal 20 June al 30 September 2020
    • Castello Aragonese
  • I Pixies in Piazza Libertini a Lecce

    • 29 August 2020
    • Piazza Libertini
  • La mostra di Pietro Guida al Castello di Copertino

    • dal 14 July al 19 September 2020
    • Castello di Copertino
  • Pranzo e cena in agriturismo

    • Gratis
    • dal 20 February al 31 October 2020
    • agriturismo santa chiara
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    LeccePrima è in caricamento