Mercoledì, 28 Luglio 2021
Eventi

Arrivano a Lecce Martina e Avigail: le preziose bambine di argilla donate alla città

Le due statuette, opera dell’artista perugina Margherita Grasselli, andranno rispettivamente alla Provincia e al Museo ebraico leccese

Una delle due bambine di argilla.

LECCE – Arrivano a Lecce Martina e Avigail, le due bambine di argilla di Margherita Grasselli. Venerdì prossimo, la cerimonia presso Palazzo Adorno. Martina sarà donata alla Provincia, Avigail al Museo ebraico del capoluogo salentino. La Provincia di Lecce ha ospitato le opere dell’artista nelle nicchie, sui gradini, sulle finestre del cortile di Palazzo Adorno e nell’atrio di Palazzo dei Celestini.

Le sculture della Grasselli, artista originaria di Perugia, classe 1970, hanno tutte un nome, sempre legato a qualche ispirazione reale, ma non hanno un volto identificato e ciò le rende ancora più misteriose e mistiche. Le creature di Margherita viaggiano di continuo in Italia e all’estero e trovano sempre una loro collocazione naturale in musei, spazi all’aperto o case di collezionisti.

Alla cerimonia di venerdì parteciperanno Stefano Minerva, presidente della Provincia, Ermanno Tedeschi, curatore della mostra, Margherita Grasselli, artista, Fabrizio Lelli, direttore del Museo Ebraico di Lecce e docente di lingua e letteratura Ebraica dell’Università del Salento, Michelangelo Mazzotta e Francesco De Giorgi, soci fondatori e rappresentanti del Museo Ebraico di Lecce.

L’iniziativa chiude la mostra “Il filo della storia” di Federico Caputo e Margherita Grasselli, a cura di Ermanno Tedeschi, inaugurata lo scorso 6 settembre nel Museo Ebraico, nell’ambito della Giornata europea della Cultura ebraica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrivano a Lecce Martina e Avigail: le preziose bambine di argilla donate alla città

LeccePrima è in caricamento