"Dove, i miei occhi". Un film sul Dopoguerra salentino

La Prometeo Video sta producendo un mediometraggio su un episodio storico che avvenne nel 1948 a Lizzanello, per la regia di Corrado Punzi. Protagonista: Giorgio Colangeli. I casting dal 2 al 4 agosto

Occhi puntati sulla storia, quella locale, dei piccoli paesi del Salento, episodi remoti nel tempo e che pure rappresentano tasselli infinitesimali che si ricollegano al grande quadro degli avvenimenti che hanno segnato un'epoca, un'intera nazione. La cronaca di giorni passati diventa recupero della memoria storica e si trasforma in pellicola. "Dove, i miei occhi" è un mediometraggio che narra di tragiche vicende a molti forse sconosciute, ma che appartengono al difficile momento della ricostruzione nel Dopoguerra italiano, vissuto con intensità in ogni angolo della penisola, anche nel Salento. Ne è testimone un tragico fatto avvenuto l'11 aprile del 1948 a Lizzanello, centro a pochi chilometri da Lecce. Durante un comizio del Fronte popolare, mentre stava parlando l'onorevole Giuseppe Calasso, esplose una bomba. Due persone rimasero per terra, altre diciotto furono ferite.

Oggi, a ricordo di quell'evento del quale non sono mai venuti alla luce mandanti ed esecutori, in paese c'è una piccola lapide. "A Lizzanello il pathos politico non scorre più come un tempo nelle vene e non ci sono più donne pasionarie, tabacchine pronte ad abbracciarsi in piazza e ad andare a reclamare uguaglianza nelle case dei latifondisti", spiega una nota del produttore eseguito, Silene Mosticchio. "Cosa è cambiato e come mai? E quell'esplosione di Lizzanello, come è collegata alla storia italiana e al contesto politico internazionale? Che collegamento c'è tra Lizzanello e il Cile di Allende? La vita del marito e della figlia di una donna morta durante l'esplosione, ci permetteranno di raccontare i cambiamenti sociali e culturali avvenuti non solo in Salento, ma anche nel resto d'Italia e del mondo. E' il racconto di un viaggio, alla ricerca di giustizia. E alla ricerca dei propri occhi".

"Dove, i miei occhi" è un'opera in fase di realizzazione, affidata alla regia di Corrado Punzi. La durata delle riprese sarà di una settimana, a partire dal 12 e fino al 18 agosto. La Prometeo Video, casa di produzione salentina, cerca uomini e donne di tutte le età: anche ragazzi e ragazze per scene all'interno dell'università e per scene di manifestazioni di piazza; così come anziani per ricostruzione del mondo contadino e della convivialità delle piazze salentine. Si cercano inoltre bambini e bambine dai 3 ai 10 anni e persone sudamericane. Le selezioni avranno luogo il 2 ed il 3 agosto presso l'associazione "Magma" di Lizzanello, e il 4 agosto presso "L'Acchiatura", nel centro storico di Racale, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 20. Per informazioni si possono contattare i numeri : 329 4003074 oppure 0832 651803.

"La Prometeo Video ha voluto fortemente investire su questo progetto interamente girato nel Salento e vincitore del Salento Film Fund - spiega ancora Silene Mosticchio - e su un giovane regista salentino, come Corrado Punzi, talentuoso e coraggioso nel voler riportare alla luce un evento così importante. Questo mediometraggio rappresenta un investimento importantissimo sia per la rilevanza culturale dovuta agli avvenimenti storici realmente accaduti a Lizzanello, che per il recupero e la valorizzazione della memoria storica stessa dell'intera provincia di Lecce".

"Non è casuale la scelta di un cast artistico così importante come quella dell'attore protagonista Giorgio Colangeli, vincitore del David di Donatello 2007 come miglior attore", sottolinea Mosticchio. "Un attore di fama internazionale che ha accettato di lavorare in questo progetto perché ci ha creduto fortemente in una storia altrettanto forte, che tocca la memoria di un'intera comunità la ‘nostra', il Salento, terra che ha bisogno di grandi sforzi organizzativi e produttivi. La produzione investirà sul territorio salentino sperimentando l'impegno di giovani creativi, le maestranze sono volutamente scelte fra quei professionisti che si sono formati in altre città italiane e che credono sia necessario coniugare la formazione acquisita con le risorse implose della nostra terra. Il sostegno da parte della produzione rappresenta un investimento e insieme lo strumento, per creare grazie a questo grosso progetto, una rete di esperti nel settore audiovisivo. La promozione - conclude - partirà a livello nazionale e internazionale per poi tornare nel Salento. Un Salento che considero crocevia di culture, di creatività e di professionalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le mani della Scu sul gioco d’azzardo: arresti e sequestro da 7 milioni di euro

  • Auto acquistate con “Spot&Go”, scatta l’inchiesta: s’indaga per truffa

  • Perde un anello molto prezioso e lo ritrova lanciando un appello su facebook

  • In poche ore due spaventosi incidenti con feriti sulle strade del Salento

  • Scontro, quattro feriti. Ragazzo di 22 anni finisce ricoverato in coma

  • Cocaina e marijuana in casa: perquisizione dopo i pedinamenti, arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento