Festival delle Culture mediterranee: tre giorni di teatro, musica, arte e libri

Da venerdì 4 a domenica 6 settembre, ad Andrano, si svolgeranno tre giornate all’insegna della cultura del Mediterraneo. Prestigiosi ospiti e artisti discuteranno di temi attuali e argomenti “scottanti”. Ma sarà anche un’occasione per assistere a spettacoli e a mostre di opere con un unico filo conduttore: le identità polifoniche che provengono da sud

Il centro di Andrano

ANDRANO - Tre giorni di teatro, arte, musica, libri ad Andrano, nel sud Salento. L’Associazione Mediterranea organizza la II edizione del Festival delle Culture Mediterranee in programma da venerdì 4 a domenica 6 settembre prossimi. Il cuore del Mediterraneo, inteso come orizzonte di pace, è l’eterno viaggio dell’uomo alla ricerca della conoscenza, della propria identità, del proprio destino. Una ricerca, dunque, apparsa nei secoli senza limiti, senza confini, senza barriere. L’Associazione “Mediterranea” ha l’ambizione di approfondire i linguaggi della cultura, della storia, delle tradizioni, dell’arte che si sono sviluppati nel corso dei secoli tra le genti che hanno attraversato ed abitato lungo il Mediterraneo. Il Festival vuol essere un’occasione importante per armonizzare la pluralità di suoni e voci che salgono dalla profondità del grande mare.

Il Festival delle Culture Mediterranee si aprirà con il dibattito “Le conseguenze del Califfato: cosa cambia nello scacchiere mediorientale e nel Mediterraneo” con Roberto Aliboni, esponente dell’Istituto affari internazionali, Cinzia Nachira, ricercatrice dell’Università del Salento, e Lorenzo Declich, giornalista di Limes rivista italiana di geopolitica. Modererà l’incontro Domenico Palmiotti, capo della redazione di Taranto de La Gazzetta del Mezzogiorno. Nelle diverse sale del castello Spinola-Caracciolo, invece, sarà allestita una collettiva d’arte: “Le anime del Mediterraneo”. Nel fossato del castello, invece, svolazzeranno su degli striscioni le frasi più significative di vita vissuta dagli immigrati ospiti nell’Antica Masseria del Monte a Castiglione d’Otranto, frazione del comune di Andrano.

Sabato 5 settembre verrà presentato il libro “La grande madre. L’eresia di Pantaleone” scritto da Roberta Culiersi e Carlo Chiri. Dialogheranno con gli autori Andrea Colella, direttore della testata Belpaese, e Gianni Bellisario, storico. La presentazione sarà intervallata da momenti musicali dal cantautore Luca Colella. A seguire il Group Alkyon, proveniente direttamente dalla Grecia, si esibirà in una Cultural Dancing. Le musiche del Mediterraneo si mescolano tra le vie del paese per far abbracciare suoni e tradizioni. Domenica 6 settembre, ultimo giorno del Festival delle Culture Meditarranee, si terrà il dibattito sull’immigrazione “Le madri illuminano il sud del Mondo”con Nunzia Baglivo, coordinatrice di Emergency per il Salento, un referente del Centro Italiano Rifugiati, Stefano Fumarulo, consulente della Commissione Parlamentare Antimafia, e Viviana Matrangola, responsabile di Libera Memoria Internazionale ed autrice della mostra “Abbracci” che ispira la riflessione sulla condizione di donne e bambini che rappresentano circa l’80 per cento  della popolazione mondiale di rifugiati che subiscono ogni giorno indicibili violenze e violazioni dei diritti umani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Festival, che vede la direzione artistica di Margerita Franja, si chiude con lo spettacolo teatrale “Andrano si racconta” per la regia di Fabrizio Saccomanno e Fabrizio Pugliese ( Ura teatro) che vede in scena gli stessi andranesi. Si tratta di un laboratorio creativo, giunto alla fase finale del progetto che ha visto coinvolte le diverse associazioni locali. Nelle varie vie del centro storico del paese si potrà tornare indietro nel tempo attraverso antichi mestieri, racconti di guerra, canti popolari. Verrà messa in scena una mescolanza di culture e di tradizioni, di vissuto che rievocheranno un poema di vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento