Eventi

"Fòcara, progetto vincente". A Novoli inizia la festa

Questa mattina a Palazzo Adorno è stato presentato il cartellone delle manifestazioni in seno "Sant'Antonio Abate e la focara. I giorni del fuoco". Fra riti religiosi, tradizioni e tanta buona musica

Un momento della conferenza a Palazzo Adorno (foto Marco Nitto)

"Il progetto costruito intorno alla fòcara, è stato vincente e oggi raccogliamo i frutti di quanto abbiamo seminato." Ne va fiero il sindaco di Novoli, Oscar Marzo Vetrugno, che questa mattina è intervenuto alla conferenza stampa di presentazione dell'evento, atteso nei prossimi giorni con il clou dell'accensione dell'immensa pira. Si apre quindi ufficialmente il cartello "Sant'Antonio Abate e la focara. I giorni del fuoco". Ed il tema dell'anno è senz'altro l'inclusione della focara tra i beni immateriali protetti dall'Unesco. "Bisogna costruire un nuovo soggetto giuridico e pensare ad una forma strutturale dell'evento per il futuro - ha sottolineato il sindaco. - Proprio per questo è stato avviato un percorso volto a candidare questo importante evento della tradizione affinché venga inserito nell'elenco dei beni culturali immateriali".

L'impegno è stato confermato per il futuro anche dal consigliere regionale Giuseppe Taurino e dalla Provincia di Lecce. Il presidente Giovanni Pellegrino, che tra l'altro ha origini novolesi, punta su questo evento ritenuto caratterizzante dell'immagine del Salento. Molto articolato il programma, con percorsi illustrati, offerti a pellegrini, devoti, visitatori e turisti. Si parte dai riti religiosi, ricordati in conferenza dal parroco don Giuseppe Spedicato, e si arriva 15 gennaio, con monsignor Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina e assistente generale dell'Azione cattolica italiana. Novità dell'ultim'ora, la presenza di monsignor Marcello Semeraro, vescovo di Albano, per la celebrazione eucaristica del 16 gennaio, subito dopo la processione. Tra le novità dell'edizione 2008 della fòcara di Novoli spicca il "Premio fòcara - Cuccu d'argento".
"Lu cuccu", un antico oggetto della tradizione contadina, realizzato per l' occasione con foglia oro e argento e raffigurante su una faccia l'effige del Santo Patrono, sull'altra lo stemma di Novoli. Sarà consegnato a cinque personalità che hanno sostenuto la valorizzazione e la tutela del patrimonio della cultura immateriale legata alle tradizioni popolari del Salento.

Spazio, ovviamente, anche alle specialità culinari. Nello Spaziotenda del fuoco, allestito non molto distante dal falò in collaborazione con la Pro loco di Novoli e quest'anno anche con Slow Food Puglia, che parteciperà alla "Rassegna delle Cantine del Parco del Negroamaro" con "I laboratori del gusto", momenti aggreganti di discussione e di assaggio di prodotti enogastronomici e di qualità. Ed ancora musica e ritmi travolgenti il 16-17 e 18. Il trio Roy Paci, Frank London e Boban Markovic, si esibirà subito dopo l'accensione della fòcara, prevista per le 19,30 del 16 gennaio; il 17 gennaio Quelli della Frisa e gli Apres la Classe, infine il ritmo della pizzica e della tradizione musicale popolare salentina anche il 18 gennaio, mentre il fuoco che riscalda, brucia in Piazza Tito Schipa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fòcara, progetto vincente". A Novoli inizia la festa

LeccePrima è in caricamento