Eventi

"Le stanze del vescovo". Il Fai apre le porte dei beni ecclesiastici

Il 25 e il 26 marzo le Giornate di primavera. Apertura delle sedi vescovili di Lecce, Ugento e Nardò oltre che dell'abbazia di Cerrate

L'ingresso del vescovado, a Lecce.

LECCE - Si chiama "Le stanze del vescovo" il tema scelto per le Giornate di primavera del Fondo Ambiente Italiano, in programma il 25 e il 26 marzo. Al centro delle visite che, come ad ogni edizione, attireranno migliaia di visitatori, tre dei principali beni ecclesiastici del Salento, oltre all'abbazia di Santa Maria a Cerrate, aperta tutto l'anno grazie proprio all'affidamento al Fai che ne sta curando il recupero. Oramai la formula è collaudata: i visitatori con un contributo suggerito da 2 a 3 euro accedono in gruppi e grazie alla guida degli studenti scoprono le bellezze dei luoghi prescelti. 

A Lecce, Nardò e Ugento.

Nel capoluogo apertura per episcopio, duomo, seminario, biblioteca innocenziana e museo diocesano di Lecce, in piazza del Duomo. Sabato dalle 10 alle 13 e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Visite guidate, anche in inglese, francese e spagnolo a cura degli apprendisti ciceroni, gli studenti del liceo scientifico Banzi, di quello artistico Ciardo, del liceo scientifico De Giorgi e dell’IISS Costa Galilei

A Nardò, in piazza Pio XI, aprono i battenti l'episcopio e la cattedrale, sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20. Visite guidate a cura degli studenti del liceo scientifico linguistico Vallone di Galatina. Sia a Lecce che a Nardò il programma di intrattenimento musicale è affidato agli studenti del conservatorio Tito Schipa.

A Ugento, in largo Duomo, l'episcopio,l a cattedrale e il museo diocesano potranno essere visitasti sabato e domenica dalle 10 alle 12 con la guida degli apprendisti ciceroni dell’istituto Marcelline di Lecce. Intrattenimento musicale con gli studenti dell’IISS Giannelli di Parabita.

Un grande classico: l'abbazia di Cerrate.

Grande classico della Giornate Fai è rappresentato dell'apertura dell’abbazia di Santa Maria a Cerrate, lungo la Provinciale Squinzano-Torre Chianca. Si tratta di un bene affidato in maniera permanente al Fai che lo sta riportando con interventi di recupero agli antichi splendori.

Visitabile sabato e domenica dalle 10 alle 18, con la guida degli studenti del liceo classico musicale Palmieri di Lecce, che si occuperanno anche dell’intrattenimento musicale, e di quelli dell’IISS De Marco – Valzani di San Pietro Vernotico. Previste visite in inglese sia sabato e domenica; il sabato fino alle 14 e la domenica anche in francese e spagnolo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Le stanze del vescovo". Il Fai apre le porte dei beni ecclesiastici

LeccePrima è in caricamento