Il senso di vergogna individuale e collettivo: speciale spettacolo in carcere

S intitola “Humana vergogna” l’evento in scena venerdì 21 febbraio, nell’istituto penitenziario di Lecce. È stato prodotto in occasione di Matera 2019

Un momento dello spettacolo.

LECCE – La replica di uno speciale spettacolo teatrale approda anche a Lecce. Non su un palco qualunque, ma all’interno del carcere di Borgo San Nicola. Venerdì 21 febbraio, dalle 18, andrà in scena “Humana vergogna”, diretto da Silvia Gribaudi e Matteo Maffesanti e prodotto nell’ambito del programma culturale di Matera 2019. Il debutto, infatti, nel marzo del 2019, nella casa circondariale di Matera.

Attraverso un linguaggio ironico, che unisce teatro e danza, è uno spettacolo che gioca sull’elemento pop e sulla relazione diretta con lo spettatore. Indaga il tema della vergogna individuale e collettiva, familiare e sociale attraverso una costruzione drammaturgica dove il corpo diventa narrazione e conduce lo spettatore in una dimensione ludica. Tra i performer e contributi alla creazione artistica: Mattia Giordano, Antonella Iallorenzi, Mariagrazia Nacci, Simona Spirovska, Ema Tashiro.

“Humana vergogna” è il risultato performativo del progetto “La poetica della vergogna”, coprodotto da #reteteatro41 e Fondazione Matera-Basilicata 2019 in partenariato con Compagnia teatrale Petra, AMA-Accademia mediterranea dell’Attore di Lecce, Osservatorio Balcani-Caucaso, Artopia di Skopje, Ballo di Podgorica, Digital Wolf, in collaborazione con Zebra cultural zoo. L’evento è realizzato nell’ambito del progetto Jumperiferie promosso da Teatro pubblico pugliese e Regione Puglia in partnership con AMA-Accademia Mediterranea dell’Attore, Compagnia teatrale Petra, Casa Circondariale di Lecce, #reteteatro 41, Arci Lecce, Mecenate 90, Officina Creativa, Comune di Lecce, Comune di Lequile, Comune di Melpignano.Humana vergogna-2

“In un’epoca in cui trionfa la bellezza stereotipata, finta ed eterodiretta, - spiega Franco Ungaro direttore dell’Accademia “Ama” e coordinatore del progetto -  lo spettacolo aggredisce convenzioni e pregiudizi, facendo emergere bellezza, leggerezza e armonia dall’inferno delle nostre negatività, imperfezioni, complessi, pregiudizi. Non c’è finzione, non c’è interpretazione, non ci sono ‘personaggi’ in scena; attori e attrici sono e si raccontano per come sono nella vita, corpi con i loro ‘difetti’ e cuori con i loro sogni. Costruiscono un gioco piacevolissimo tenuto insieme dall’ironia, dal piacere di comunicare memorie, emozioni e tante vergogne, pubbliche e private, mai mollando il filo della relazione empatica con lo spettatore. Ribaltare le nostre vergogne individuali e collettive è il motivo dominante dello spettacolo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Muro abbattuto da braccio della betoniera, investiti studenti: muore in ospedale 22enne

  • Il virus avanza in Puglia, Lopalco: “Si delinea uno scenario preoccupante”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento