Eventi

I Sud, la Dandini e la Taranta per emergenza ambientale

Il 6 settembre nell'area dell'ex Foro Boario spettacolo voluto dalla Lega tumori per sensibilizzare i giovani in tema di emergenza. Presenti i Sud Sound System e l'ensemble della Notte della Taranta

I Sud Sound System.-3

Si è tenuta questa mattina a Lecce, presso la sede della Lega tumori in piazza d'Italia, nei pressi del Monumento ai Caduti, la conferenza stampa di presentazione del concerto-evento in programma per sabato 6 settembre nell'area dell'ex Foro Boario (inizio alle 20,30, ingresso gratuito), all'ingresso della superstrada Lecce-Brindisi. La Lega, di fronte alle emergenze ambientali e sanitarie, che vedono purtroppo al centro in particolare il Salento, tramite questo evento intende lanciare una campagna di sensibilizzazione per la tutela dell'ambiente e della salute. La speranza degli organizzatori è che l'appello musicale faccia breccia più di tanti convegni scientifici, grazie anche all'adesione dei Sud Sound System. "Puliamo la Puglia" è il grido con cui la band invita i salentini a partecipare all'evento per dire "no a tutti i veleni e ad ogni forma di inquinamento" (https://www.sudsoundsystem.eu per vedere il video-appello).

All'appello della Lilt di Lecce ha risposto anche l'ensemble "Notte della Taranta" formato da Antonio Marra (batteria), Ninfa Giannuzzi (voce), Enza Pagliara (voce), Emanuele Licci (voce-chitarra), Antonio Castrignanò (tamburello-voce), Marco Della Gatta (tastiere), Gianluca Milanese (fiati), Francesco Del Prete (violino), Roberto Gemma (fisarmonica), Mauro Durante (tamburello), Riccardo Laganà (tamburello), Silvio Cantoro (basso), Alessandro Monteduro (percussioni), Andrea Favatano (chitarra). Sul palco anche altri artisti locali e in più l'intervento dello scrittore tarantino Alessandro Langiu, autore del libro "Di fabbrica si muore". Saranno presenti anche esponenti del mondo della Sanità pugliese. La serata sarà presentata dalla conduttrice della Rai Serena Dandini.

L'iniziativa è patrocinata dal Comune e della Provincia di Lecce. La manifestazione servirà anche a sostenere il progetto di realizzazione del Centro Tumori "Ilma" che sorgerà a Gallipoli. Giuseppe Serravezza, presidente della Lega italiana per la lotta ai tumori di Lecce, a proposito dell'emergenza ambientale, ha diffuso anche una sua lettera aperta, in cui evidenzia che "da oltre un decennio nel Salento tutto, e nella provincia di Lecce in particolare, registriamo un'allarmante crescita dell'incidenza e della mortalità per tumore, specialmente di quelle forme che più si correlano con fattori di inquinamento ambientale. È peraltro risaputo - aggiunge - che oltre il 90 per cento dei tumori riconosce una causa ambientale".

"Il Salento è di fatto il primo polo carboenergetico in Italia e, come tale, ne paga già il relativo prezzo in termini ambientali e sanitari. Di fronte ad una situazione ormai tanto compromessa, i nuovi insediamenti energetici programmati per questo territorio prevedono impianti a biomasse, messi sotto accusa da Onu, Fao, Ocse e dall'Agenzia europea per l'ambiente, le cui emissioni finirebbero per rendere ancora più drammatica quella che la stessa Agenzia europea per l'ambiente, prima citata, definisce già una situazione di catastrofe ambientale". Serravezza invita quindi le istituzioni a puntare su "fonti energetiche veramente rinnovabili e pulite e a minore impatto ambientale: l'energia solare soprattutto, risorsa inesauribile, e l'energia eolica secondariamente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Sud, la Dandini e la Taranta per emergenza ambientale

LeccePrima è in caricamento