rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Eventi Gallipoli

Il Peep 3 in festa con il premio "Città Nuova 2009"

L'associazione che si batte per la crescita del quartiere raddoppia gli eventi dell'estate: musica, spettacolo e commedia in vernacolo anticipa la consegna dei riconoscimenti a personalità locali

GALLIPOLI - Inizialmente pensi alla solita festicciola rionale, fatta di verve comica, musicalità, banchetti culinari all'aperto e sano divertentissimo. Poi scopri che alla base non c'è solo la necessità di allietare un'afosa (anzi due, perchè quest'anno la manifestazione si sdoppia in due tronconi) serata d'estate, ma soprattutto l'obiettivo più profondo di sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni sulle problematiche sociali e non, di un quartiere che non ha nessuna intenzione di fermare il suo processo di crescita. Concetti ribaditi anche agli assessori Giorgio Cacciatori e Giovanni Pisanello presenti all'incontro di presentazione della rassegna estiva del Peep3.

Con queste premesse da ben cinque anni, nella cosiddetta zona di espansione del Peep 3 di Gallipoli, è sorta l'associazione "Città Nuova" grazie all'intraprendenza di un manipolo di residenti del nuovo quartiere con l'intento di promuovere e sostenere tutte quelle iniziative finalizzate a migliorare il vivere sociale e i servizi della zona e della città di Gallipoli nella sua concezione globale. L'associazione del "fare", permeata da un grande senso dell'appartenenza alle radici gallipoline. Così il presidente del sodalizio associativo di Città Nuova, Nicola Ripa, e i componenti del direttivo evidenziano la loro ragione "sociale". Che tradotta in atti concreti si configura con le ripetute sollecitazioni al Comune e con le iniziative di sensibilizzazione collettiva che aiutano il Peep3 nella sua difficile battaglia per evitare che lo stesso si trasformi, come accaduto in altre realtà cittadine, in un quartiere "dormitorio" e senz'anima. Così all'azione già meritevole della parrocchia di San Gabriele dell'Addolorata si unisce l'azione civica dell'associazione di Città Nuova che quest'anno "raddoppia" la sua offerta ludico-culturale con due serata distinte di intrattenimento e divertentismo alla stato puro, a partire da domani sera, 9 agosto alle 21 in via Carrozzini (angolo via Deledda), con la quinta edizione di "Musiche e Canti sotto le Stelle" e proseguendo con la serata dedicata alla consegna dell'omonimo premio "Città Nuova 2009" che quest'anno, per la terza edizione, si materializzerà nella serata dell'11 agosto, sempre a partire dalle 21, presso il complesso Gallipoli Resort sulla provinciale per Sannicola.
"Il premio Città Nuova è stato pensato per premiare quelle personalità o istituzioni del territorio" spiegano dal direttivo, "che si sono distinte, portando alto il nome di Gallipoli, nel mondo del sociale, dell'arte, della cultura, dell'imprenditorialità, della medicina, dello sport, e della musica, e che hanno fatto si che la nostra città venga vista e riconosciuta come la perla dello Jonio, come il faro che illumina e qualifica la salentinità della nostra terra". E in questa terza edizione (impreziosita da intermezzi musicali di livello e dalle esibizioni di danza della "Disc'nroll Dos") si è puntato ad individuare i meritevoli destinatari del premio nei campi della Medicina, della Cultura, e della società civile. I premiati di quest'anno sono il professor Roberto Ratiglia, luminare della Medicina Oculistica; il professor Raffaele Coppola, giurista e docente universitario di Diritto ecclesiastico; e Guglielmo Cataldi, sostituto procuratore della Repubblica e magistrato antimafia. I destinatari del riconoscimento riceveranno il premio "Città Nuova 2009", realizzato dall'artista locale Tiziano Scarpina e raffigurante il gallo (simbolo della città) che abbraccia affettuosamente un altro simbolo indelebile della "gallipolinità" verace: il faro e l'isola di Sant'Andrea. "Il tutto rappresenta" spiega il presidente Ripa, "il messaggio che il sodalizio intende lanciare alle generazioni presenti e future: che sia sempre forte e vitale il senso di appartenenza dei gallipolini alla loro città". Alla cerimonia di consegna, presentata da Monia Palmieri, si accede per invito.

Ma dal serio al faceto, in molti dei partecipanti alla manifestazione, come ogni anno, attendono con fermento anche l'appuntamento ludico-culturale della rappresentazione in vernacolo, a cura del gruppo teatrale dell'associazione che come spiega il consigliere e regista, Giuseppe Piro "si propone anche di valorizzare il dialetto gallipolino per veicolare emozioni, passioni, e sentimenti della comunità locale". Quest'anno il gruppo porterà in scena, nella prima serata dedicata a "Musiche e Canti sotto le Stelle", la commedia dal titolo "A n'artare spruvviduto te ticene na bona messa cantata?", l'avvincente avventura di una famiglia del centro storico (con nonno a carico) che alla prese con la ristrutturazione della nuova casa, cerca di assecondare le "innovazioni" apportate dalla figlia studentessa di architettura. Tra gag e risate assicurate emerge la morale intrinseca veicolata dalla commedia: "come per i figli si è pronti a fare di tutto?e anche di più". La manifestazione di domani sera, presentata da Gino Cuppone prevede anche momenti musicali ed esibizioni canore nel rispetto del titolo della rassegna. In più per proseguire nel progetto di valorizzazione dei talenti locali e del dialetto autoctono, verrà distribuito il nuovo opuscolo che raccoglie i versi in vernacolo degli autori locali, a tema, avviato con la pubblicazione nel periodo pasquale dal titolo "A Caremma?in poesia". Il nuovo tema è incentrato sul mondo della pesca, legato indissolubilmente allo scoglio gallipolino, e raccoglie i componimenti nel nuovo opuscolo dal titolo "I Pesci?in poesia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Peep 3 in festa con il premio "Città Nuova 2009"

LeccePrima è in caricamento