L’arte finisce “a processo”. Una mostra permanente sbarca in tribunale

Le opere riguardano il tema della giustizia, rappresentato dagli allievi dell’Accademia di Belle arti

Il Tribunale civile di Lecce

LECCE – L’arte va a “processo”. Venerdì prossimo, alle 12,30, sarà inaugurata una mostra permanente nelle aule del tribunale civile di via Brenta, a cura dell’Accademia delle belle arti di Lecce. L’obiettivo è  quello di aprirsi al dialogo e nei confronti delle istituzioni e delle realtà attive sul territorio si coniuga,  nella costruzione dell’evento. La convinzione, da parte degli organizzatori, è che l’itinerario artistico non sia soltanto a disposizione dei giudici, degli avvocati e degli operatori, ma che possa appartenere a Lecce e ai suoi cittadini.

L’iniziativa  raccoglie i lavori dei giovani artisti - allievi ed ex allievi dell’Accademia di belle arti leccese -  che si sono cimentati in una lettura, riproposizione ed interpretazione, legata al loro sentire e alla loro sensibilità,  dell’idea di Giustizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parte dal 2014 con il contributo dell’ex dDirettore del Museo “Sigismondo Castromediano”, Tonino Cassiano, ormai scomparso,  che ha curato la raccolta e l’allestimento delle opere poi  donate al tribunale e attualmente esposte. Una descrizione critica dei lavori dei giovani artisti è stata formulata da Lorenzo Madaro, mentre la veste grafica e le immagini sono state realizzate con il coordinamento di Giuseppe Bolognini e la collaborazione di Danilo Ricciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento