Eventi Strada Sannicola - Lido Conchiglie

Abbazia di San Mauro, per salvaguardare il gioiello storico interviene anche l’esperto

L'appuntamento è per la mattinata di domenica, sulla collina che ospita l'antico luogo di culto edificato attorno l'anno Mille, sulla litoranea che da Sannicola conduce a Lido Conchiglie. Un'occasione per conoscere uno tra i più prestigiosi siti salentini. Interverrà Paul Arthur, direttore della Scuola di specializzazione in beni archeologici dell'ateneo leccese

L'antica Abbazia di San Mauro

SANNICOLA – Hanno scelto il nome “GuardiAmo San Mauro” per la loro comunità virtuale, nata spontaneamente tramite un passaparola diramato sulle pagine dei social network. E, nella mattinata di domenica, hanno un rendez-vous nei pressi dell’antica abbazia intitolata a San Mauro, sulla strada che conduce a Lido Conchiglie. Per promuovere la conoscenza e la salvaguardia di una delle più prestigiose testimonianze storiche del Salento, interverrà anche Paul Arthur, il direttore della Scuola di specializzazione in beni archeologici dell’ateneo salentino.

In attesa che la Soprintendenza ai beni culturali e gli enti interessati si esprimano sui presunti danni arrecati nell’area durante alcuni interventi per la realizzazione di una serie di sentieri e percorsi escursionistici, i componenti dell’associazione si sono dati appuntamento, a partire dalle 10,30 del mattino, per conoscere e far conoscere ai salentini una porzione di storia arroccata in uno degli scorci più suggestivi dell’area ionica, peraltro dichiarato "Sic", sito di interesse comunitario.IMG_7233_JPG-2

L’antico luogo di culto è stato infatti fondato intorno all’anno Mille dai monaci italo-greci fuggiti dall’Oriente a seguito di un’ondata persecutoria. L’abbazia, che faceva originariamente parte di un antico monastero, racchiude un inestimabile valore storico e artistico. Non soltanto per gli affreschi (un esempio nella foto laterale) e i cartigli in greco che sono emersi nel tempo, ma per gli stessi, celebri personaggi, che in quell’edificio sono stati formati. 

Il monastero di San Mauro svolse la funzione di "capofila" degli insediamenti basiliani occidentali tanto che, in passato, è stato il fulcro dell'organizzazione religiosa. Ripristinando degli interventi di recupero dell’area, c’è da scommettere che numerose altre testimonianze archeologiche fornirebbero nuove risposte. Forse ribaltando scenari  e memorie che il tempo non ha ancora restituito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbazia di San Mauro, per salvaguardare il gioiello storico interviene anche l’esperto

LeccePrima è in caricamento