Eventi

L'Alba dei popoli in moto: otto centauri da Lecce alla Palascìa per vivere un'emozione

Un capodanno davvero speciale, vissuto con la passione da biker. L’emozione di vivere la pima alba dell’anno attraversando uno dei tratti più belli del Salento in sella alla propria moto, lasciandosi inghiottire dalla bellezza di una terra magica. Otto centauri, due “zavorrine” ed una safety car hanno dato vita all'Alba dei popoli in moto

LECCE – Un capodanno davvero speciale, vissuto con la passione da biker. L’emozione di vivere la pima alba dell’anno attraversando uno dei tratti più belli del Salento in sella alla propria moto, lasciandosi inghiottire dai colori, i profumi, la luce e tutta la bellezza di una terra magica. Otto centauri, due “zavorrine” ed una safety car hanno dato vita all'Alba dei popoli in moto, un evento organizzato da “Motorrad Club Salentum Terrae”.

Sono partiti alle 4.45 del primo giorno dell’anno da Lecce per raggiungere il Faro della Palascìa (il punto più a Oriente d’Italia), affrontando le rigide temperature che oscillavano da -2 a 6 gradi centigradi, percorrendo la litoranea che costeggia San Foca, Torre dell'Orso e Otranto. Un viaggio nel profondo silenzio della notte, ammirando il fascino dei campi gelati.

Nell'attesa dell'alba hanno festeggiato con caffè, amaro e dolci. Un fascio di nuvole capriccioso all'orizzonte ha tenuto nascosto il sole, ritardando di circa un'ora lo spettacolo della prima alba del 2016, che ha incendiato il mare idruntino. La zona del faro si è riempita lentamente di tanta gente, che si è lasciata ammaliare dalla poesia di un posto incantevole, finis terrae, dove mare e cielo sembrano fondersi nell’abbraccio di due amanti, in una terra sospesa tra oriente e occidente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Alba dei popoli in moto: otto centauri da Lecce alla Palascìa per vivere un'emozione

LeccePrima è in caricamento