menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
palco_002

palco_002

La Taranta danza per la prima volta nel capoluogo

Tra il Sedile e la colonna di Sant'Oronzo, arriva la tappa speciale con i Nidi D'Arac, L'Ensemble Notte della Taranta, Alessia Tondo, Raiz e Radiodervish. Il piano della viabilità per evitare disagi

LECCE - Dopo aver varcato i suoi confini territoriali raggiungendo tutto il mondo con la forza evocativa dei suoi ritmi, La Notte della Taranta esce anche dai confini della Grecìa per approdare nel capoluogo salentino. Per la prima volta nella sua storia, il festival itinerante fa tappa a Lecce, un progetto in cantiere già da qualche anno, poi fortemente perseguito dalla Fondazione La Notte della Taranta.

Ad aprire la serata di domani, domenica 14 agosto, alle 21.30, saranno i Nidi D'Arac, il gruppo guidato da Alessandro Coppola che porta avanti fin dai suoi esordi un lavoro di rilettura della tradizione salentina attraverso macchine e strumenti del nuovo millennio, creando sonorità ricercate, tra folk ed elettronica. Apprezzati in Italia e all'estero, il loro ultimo tour li ha portati di recente anche al Womex di Copenhagen, al Montreux Jazz Festival e al Womad di Malmesbury. Dopo tredici anni dalla pubblicazione del primo disco, è di quest'anno l'uscita di "Taranta Container", un album contenitore che, come un mercantile italiano trasporta i suoi prodotti tipici in tutti i porti del mondo, così veicola la musica del gruppo, una musica dal sound moderno e dalle forti radici sud italiane.

Subito dopo sarà la volta dell'Ensemble Notte della Taranta, il gruppo formato dal nucleo storico dei musicisti dell'Orchestra La Notte della Taranta, che porta avanti un progetto di straordinaria importanza perché riassume i momenti più rappresentativi delle passate edizioni del Concertone di Melpignano. Il gruppo propone infatti i brani della tradizione secondo la rilettura che ne hanno dato i grandi maestri concertatori delle passate edizioni; si va così dalla poesia di Piero Milesi all'esplosione ritmica di Stewart Coperand e Vittorio Cosma, fino alle sonorità tipicamente popolari di Ambrogio Sparagna e quelle world di Mauro Pagani.

A impreziosire il concerto dell'Ensemble, Raiz, Radiodervish e Alessia Tondo: tre ospiti speciali, tutti già legati a La Notte della Taranta da precedenti partecipazioni. Voce storica del collettivo Almamegretta, nel quale ha militato dieci anni e con il quale ha registrato sei album, dal 2002 Raiz ha intrapreso la carriera solista, prestando il suo timbro scuro e profondo ad artisti di varie estrazioni, dai Massive Attack a Zion Train, da Teresa De Sio a Luigi Cinque. La sua versatilità artistica lo ha portato a incrociare le strade del teatro (ha recitato nello spettacolo "Brecht's Dance" dei Cantieri Teatrali Koraja) e del cinema (ha preso parte a quattro film d'autore, incluso il recente "Passione", il documentario di John Turturro dedicato a Napoli e alla sua musica).

Gruppo simbolo del meticciato musicale mediterraneo, fondato nel '97 da Nabil Salameh e Michele Lobaccaro, e sempre affiancato dal multistrumentista Alessandro Pipino, dopo il primo album "Lingua contro lingua" del 1998, prodotto da Giovanni Lindo Ferretti e Massimo Zamboni, con "Centro del mundo" del 2001, i Radiodervish definiscono appieno la loro particolare poetica. Nel 2007 esce "L'immagine di te", disco di canzoni inedite prodotto da Franco Battiato che segna la svolta pop della band.

Grazie alle sue doti vocali, a soli vent'anni Alessia Tondo ha già all'attivo numerose e importanti collaborazioni. Nel 2003 appare come voce solista nell'album "Le radici ca tieni" dei Sud Sound System, con i quali collabora più volte anche negli anni successivi; e nel 2004 è ospite per la prima volta dell'Orchestra La Notte della Taranta sul palco di Melpignano. Tra le altre collaborazioni ha all'attivo anche quella con i Radiodervish e ha già pubblicato due dischi con il suo gruppo Triace, uno uscito nel 2008 dal titolo "Sebben che siamo donne", e un altro in uscita a ottobre.

Il piano della viabilità: il centro blindato dalle 19. Attivo servizio navetta.

Per la tappa di domani del Festival de "La Notte della Taranta", il Comune di Lecce ha deliberato le seguenti modifiche al piano viabilità. In particolare, dalle ore 15 del 14 sino alle 2 del 15 ci sarà divieto di fermata (pena la rimozione forzata del veicolo) sul lato destro di viale dell'Università, nel tratto che va da via Tabacchi a via Palumbo; sul lato destro di via Adua, nel tratto dall'uscita del parcheggio dell'ex arena Aurora a viale dell'Università; su via Palumbo, nel tratto di strada da via Adua a viale dell'Università.

Inoltre dalle 19 di domenica saranno chiuse al traffico: viale Porta d'Europa; via Vespasiano Genuino nel tratto tra via Carluccio e via Indino; viale dell'Università, nel tratto da viale Gallipoli a piazza Rizzo; via Adua, dal parcheggio dell'ex arena Aurora a viale dell'Università; via Tabacchi, da via Adua a viale dell'Università.

Sarà temporaneamente previsto il senso unico di marcia su viale Gallipoli, da via Diaz a piazza Argento; su viale De Pietro, da via Garibaldi a piazza del Bastione; su viale Calasso, da piazza del Bastione a viale dell'Università. Deliberato anche per quella stessa data, dalle 19 alle 2 della mattina successiva, il divieto di accesso nelle aree delimitate da viale Calasso, viale dell'Università, viale Gallipoli, viale Otranto, via Cavallotti, via San Francesco d'Assisi, via Garibaldi, via De Pietro, piazza dei Bastioni. La Sgm garantirà un servizio navette che percorrerà piazza dei Bastioni, viale De Pietro, via Garibaldi, via XXV Luglio, viale Marconi, viale Lo Re, viale Gallipoli, viale dell'Università, viale Calasso, piazza dei Bastioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento