rotate-mobile
Eventi Racale

Teatro sull’antimafia sociale: a Racale partono i primi laboratori gratuiti

L’iniziativa prenderà il via a partire dal mese di novembre ed è rivolta ai ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 17 anni

RACALE – Via, a Racale, ai  laboratori multidisciplinari di teatro sull’antimafia sociale. La prima settimana di novembre cominceranno infatti  i nuovi laboratori multidisciplinari di teatro sull’antimafia sociale “La Bellezza in 100 passi”. I laboratori rientrano nel progetto risultato vincitore dell’avviso pubblico “Bellezza e legalità per una puglia libera dalle mafie”  supportato dalla Regione Puglia.

Potranno aderire ai laboratori tutti i ragazzi residenti in Puglia con età compresa tra gli 11 e i 17 anni. La partecipazione ai laboratori è totalmente gratuita e le iscrizioni si possono effettuare direttamente dal sito dedicato www.labellezzain100passi.racalecam.it fino al prossimo 2 novembre. Il progetto, ideato dall’associazione di promozione sociale  Racalecam, ha l’obiettivo di promuovere l’inclusione sociale, la lotta alla povertà e ogni forma di discriminazione e punta a svolgere attività di animazione sociale e partecipazione collettiva per la ricostruzione della identità dei luoghi e delle comunità. A curare la direzione artistica c’è l’attrice professionista Liliana Putino che vanta un’esperienza pluriennale nell’ambito della formazione teatrale, soprattutto per ragazzi. Invece, per la direzione didattica c’è Marco Antonio Romano attore teatrale che spesso sul palcoscenico si è ritrovato ad indossare le vesti di Borsellino.

Antonio Caponnetto, magistrato italiano che dopo Chinnici prese la guida del pool antimafia a Palermo, disse: «La mafia teme la scuola più della giustizia, l'istruzione toglie l'erba sotto i piedi della cultura mafiosa.». Questa frase rende molto il senso del nostro progetto “La Bellezza in 100 passi”: un insieme di discipline come la dizione, lo speakeraggio, il teatro, e la drammaturgia per attraversare la storia italiana delle stragi di mafia, le biografie di Falcone, Borsellino, e degli altri eroi dell’antimafia come Peppino Impastato, Giuseppe Fava, Angelo Vassallo e Renata Fonte. Abbiamo voluto mettere insieme linguaggi e storie per sviluppare percorsi didattici multidisciplinari di approfondimento sui temi connessi ai valori della Costituzione italiana, con particolare riferimento alla cultura della memoria, dell’impegno e della legalità” dichiara Robert D’Alessandro, presidente di RacaleCam e coordinatore del progetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro sull’antimafia sociale: a Racale partono i primi laboratori gratuiti

LeccePrima è in caricamento