rotate-mobile
Eventi

"Le contrade di Bacco. Nardò e le terre dell'Arneo": la presentazione

Appuntamento sabato 1 luglio, alle ore 19, presso il Teatro comunale, organizzato dal Collegio Geometri e Società di Storia Patria di Lecce. Ratano: “Il Salento narrato in maniera inedita tra disegni en plein air, approfondimenti e curiosità”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

NARDO' - Sabato 1 luglio, nel Teatro comunale di Nardò, sarà presentato “Le contrade di Bacco. Nardò e le terre dell’Arneo”, sesto di otto volumi che raccontano in maniera inedita il Salento, attraverso i disegni di Piero Pascali (pittore e grafico), gli agili testi di Daniele Capone (narratore e saggista) e i contributi di numerosi studiosi del territorio. Il progetto editoriale è intitolato “Salento a inchiostro di china” ed è promosso dal Collegio provinciale dei Geometri e Geometri Laureati di Lecce e Società di Storia Patria di Lecce. Sono stati già pubblicati: “Come bianchi di farina. Luoghi e borghi della Terra di Castro” (2018), “Là dove Idrusa sorrise. Otranto e il suo entroterra” (2019), “Venivano all’estremo mare. Luoghi e borghi del Capo di Leuca” (2020) e “L’Eco di Bisanzio. Galatina e la Grecìa Salentina” (2021) e “Nei luoghi della Sirena. Dal mare di Gallipoli alle Serre salentine” (2022).

Oltre un centinaio sono i bozzetti che compongono il sesto corposo volume della serie, edito sempre da Giorgiani per la Collana “Cultura e Storia” della Società di Storia Patria di Lecce. Si viaggia tra chiese e cripte, vicoli, corti e palazzi, ma anche luoghi rurali e tradizioni vitivinicole delle terre dell’Arneo, teatro di una delle vicende più importanti della recente storia salentina: la lotta per l’emancipazione sociale dei lavoratori agricoli e la riforma agraria. Nove le tappe da scoprire lungo l’itinerario che parte da Nardò (con le sue frazioni Santa Maria al Bagno, Santa Caterina, Sant’Isidoro, Boncore) e prosegue verso Porto Cesareo (con Torre Lapillo), poi Leverano, Copertino, Carmiano (con Magliano), Veglie, Salice Salentino, Guagnano (con Villa Baldassarri) e, infine, Campi Salentina.

Ricca come sempre di spunti interessanti è la sezione dedicata agli approfondimenti, con i saggi di Salvatore Coppola, Mario Spedicato, Fabrizio Lelli, Antonio Romano, Donato Giancarlo De Pascalis, Roberta Durante e, nell’appendice, anche un intenso affresco dello scrittore Antonio Errico dedicato a Torre Uluzzo “scultura vagante dentro il mareggiare” e “metafora della storia come rovina e racconto, come tempo che resiste a se stesso e che se stesso rifiuta, bellezza sgretolata, incanto di un rudere”. “Quando il progetto editoriale sarà completato, si spera nel 2024, potremo affermare, penso con comprensibile soddisfazione e orgoglio, di aver donato al Salento un’opera che non ha eguali in nessun’altra parte d’Italia”, sottolinea Luigi Ratano, presidente del Collegio Geometri di Lecce. L’incontro di presentazione del libro si aprirà alle ore 19 con i saluti del sindaco di Nardò, Giuseppe Mellone, dell’assessore alla Cultura Giulia Puglia e del presidente del Collegio Geometri di Lecce, Luigi Ratano. Seguiranno gli interventi di Antonio Romano (Università di Torino), dello scrittore Antonio Errico e degli autori Piero Pascali e Daniele Capone. Coordina i lavori Mario Spedicato, docente UniSalento e presidente Società di Storia Patria di Lecce. L’ingresso è libero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Le contrade di Bacco. Nardò e le terre dell'Arneo": la presentazione

LeccePrima è in caricamento