Lunedì, 2 Agosto 2021
Eventi

Le fantasie al pianoforte di Gülsin Onay

La grande interpreta turca ospite del del Miami International Piano Festival in fasi di svolgimento a Lecce

La pianista turca Gülsin Onay

Ancora grande musica in occasione del Miami International Piano Festival a Lecce. Domani, martedì 26 giugno, alle 19, la pinacoteca del Museo Castromediano ospiterà il concerto per pianoforte e flauto di due giovani talenti salentini: Nicola Morello e Anastasia Barba. Il duo eseguirà "Le Merle noir" di Messiaen. La seconda parte dell'appuntamento pomeridiano vedrà, invece, al pianoforte l'inglese James Rhodes, che proporrà la Sonata numero 21 in Do maggiore ("Waldstein") Opera 53 di Beethoven e di Chopin il Notturno in Si maggiore Opera 62/1 e Polacca-Fantasia.

Alle 21,30, quindi, ci si sposterà al Teatro Paisiello, per ascoltare un'interprete "suprema e piena di fantasia": la pianista turca Gülsin Onay, che ha mostrato il suo talento fin dalla giovanissima età. A 3 anni, infatti, ha intrapreso i suoi studi musicali e a 6 si è esibita per la prima volta per la radio turca. Allieva prediletta di Ahmed Adnan Saygun, si è diplomata a 16 anni al Conservatorio di Parigi vincendo il prestigioso "Premier Prix du Piano".

La Onay ha vinto premi in concorsi internazionali prestigiosi come il "Long-Thibaud" a Parigi e il "Busoni" a Bolzano e ha tenuto concerti in oltre cinquanta paesi in tutti i continenti. La critica ha lodato le sue interpretazioni di Rachmaninoff e l'ha riconosciuta come un'eccellente interprete di Chopin. Ciò le ha fatto conferire la Medaglia di Stato dalla Polonia, terra natia del celebre compositore.

Le opere di Adnan Saygun sono sempre presenti sia ai concerti che nelle registrazioni della Onay. Il secondo concerto per pianoforte di Saygun è dedicato proprio a lei, che lo ha eseguito per la prima volta in Turchia e all'estero. Inoltre Gülsin Onay è stata la prima al mondo ad eseguire i concerti di Stuppner e Tabakov e la sua registrazione del primo concerto per pianoforte di Tchaikovsky con la Slovak Philarmonic è stata giudicata una pietra miliare da critici ed intenditori.


Per il suo concerto al Festival di Miami in Lecce, la Onay ha scelto un programma che comprende le Variazioni ABEGG Opera 1 di Schumann, le Variations sérieuses opera 54 di Mendelssohn, Smyrna del compositore inglese Elgar (scritta nel 1905 in occasione di una crociera sul Mediterraneo fatta insieme all'amico Franz Schuster) e Andante spianato e Grande Polonaise brillante, Mib maggiore Opera 22 di Chopin. Nella seconda parte del concerto, la pianista proporrà il suo consueto omaggio a Saygun, con 2 Preludes on Aksak Rhythms from Opera 45 numero 4, 12 e Sonatine opera 15 e chiuderà con Gaspard de la Nuit di Ravel.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le fantasie al pianoforte di Gülsin Onay

LeccePrima è in caricamento