rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Eventi Melpignano

Notte della Taranta: tra i brani di Ligabue anche "Certe notti" e "Muro del suono"

La rockstar emiliana, in coppia con Alessia Tondo, canterà "Beddha ci dormi" e un altro brano della tradizione salentina. Salgono le stime sull'affluenza di pubblico: gli organizzatori scommettono su 200mila presenze nel piazzale dell'ex convento degli Agostiniani

MELPIGNANO – Sono quattro i brani che Luciano Ligabue canterà sabato sera sul palco del concerto della Notte della Taranta: due della tradizione salentina, tra cui “Beddha ci dormi” in coppia con Alessia Tondo, e versioni appositamente preparate di “Certe notti” e “Muro del suono”.

Ad accompagnare il cantante originario di Correggio – che domani sarà alla conferenza stampa di presentazione - ci saranno Phil Manzanera (ex Roxy Music e maestro concertatore) alla chitarra elettrica, Paul Simonon (The Clash) al basso, Tony Allen alla batteria, Anna Phoebe al violino e anche il chitarrista Federico Poggipollini,  che è sempre accanto a Ligabue e che suonerà per tutto il concerto.

La presenza della rockstar nella 18esima edizione della manifestazione – che sarà trasmessa in diretta a partire dalla 22.30 su Rai 5 e Radio2 - ha fatto lievitare le previsioni di affluenza fino al tetto delle 200mila unità. Già per domani pomeriggio, quando sono in programma le prove con inizio alle 17, si attendono decine di migliaia di persone. Secondo gli organizzatori lo scorso anno vi assistettero in circa 40mila.

"La Notte della Taranta - ha commentato il presidente della fondazione, Massimo Manera, è un laboratorio aperto al mondo. La pizzica è oggi non solo bene immateriale da tutelare, ma attrattore turistico e volano di marketing territoriale senza uguali in Italia. Credo che sia giunto il momento di chiedere alle università italiane ed estere di indagare questo nuovo fenomeno. Cercare di cristallizzare le emozioni di quanti scelgono di partire da ogni parte del mondo per ballare il nostro ritmo. Chi viene a Melpignano cerca nella comunità che si forma danzando la cura ad ogni intimo malessere o la condivisione di una grande emozione. Credo sia giunto il momento di chiederci seriamente quanto bene faccia la danza in termini sociologici, culturali e anche economici”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Notte della Taranta: tra i brani di Ligabue anche "Certe notti" e "Muro del suono"

LeccePrima è in caricamento