rotate-mobile
L'evento / Scorrano

A Scorrano Claudio Martelli presenta “Vita e persecuzione di Giovanni Falcone”

Appuntamento mercoledì 14 giugno con l'evento riprogrammato dopo un primo rinvio e che si terrà nella chiesa degli Agostiniani nell’ambito dell’iniziativa nazionale “Il maggio dei libri”

SCORRANO - Il Comune di Scorrano in collaborazione con l'istituto comprensivo cittadino, nell'ambito dell'iniziativa nazionale "Il maggio dei libri" è lieta di presentare alla cittadinanza e alla stampa il libro “Vita e persecuzione di Giovanni Falcone” (La Nave di Teseo, 2022) attraverso un dialogo con l’autore Claudio Martelli, già ministro, deputato e europarlamentare. L'appuntamento, inizialmente previsto per il 17 maggio, è stato riprogrammato per mercoledì 14 giugno, alle ore 19.30, presso la chiesa degli Agostiniani. 

Un'importante riflessione sulla legalità a cui parteciperanno il parroco di Scorrano, don Massimo De Donno, il sindaco Mario Pendinelli, l'assessora alla cultura Annalisa Mariano e una delegazione di studenti e docenti. Dialogheranno con l'autore Alfonso Parente, consigliere dell'ordine degli avvocati di Lecce, e la giornalista Maria Teresa Carrozzo.

Note sul libro: “Giovanni Falcone era il più importante, il più capace, il più famoso tra i giudici che hanno combattuto la mafia. Per questo – ricorda Claudio Martelli – nello stesso giorno in cui fui nominato ministro della Giustizia lo chiamai e gli affidai l’incarico più importante del ministero, quello di direttore degli Affari Penali. Pur tra tante affinità, la storia di Falcone è diversa da quella degli altri uomini dello Stato che hanno combattuto la mafia perché solo a Falcone è capitato di essere perseguitato in vita non solo da Cosa Nostra, ma anche di essere avversato da colleghi magistrati, dalle loro istituzioni come il CSM e dall’Associazione Nazionale Magistrati, nonché da politici e da giornalisti di varie fazioni. Ancora oggi di quest’altra faccia della luna poco si sa perché poco è stato detto. Dall’attentato di Capaci sono passati trent’anni. Per rispetto di Falcone, dei ragazzi che non hanno vissuto quel tempo, degli adulti che non lo hanno capito o lo hanno dimenticato, sento il dovere di tornare a riflettere per raccontare le verità di allora e quelle più recenti che ho appreso insieme al ruolo di chi, nel bene e nel male, ne fu protagonista dentro le istituzioni dello Stato, nella società e nel mondo dell’informazione” conclude l’autore

Note sull’autore: Claudio Martelli, milanese, ha insegnato Filosofia all’Università Statale, ed è stato deputato italiano ed europeo. Vicesegretario socialista negli anni ottanta, è stato promotore del referendum sulla giustizia giusta e di quello sul nucleare. Divenuto Vicepresidente del Consiglio e Ministro della giustizia, scelse come collaboratore Giovanni Falcone e con lui varò le principali leggi antimafia. Giornalista, autore e conduttore televisivo, vive e lavora tra Roma, Milano e Berlino. Nel 2013 ha pubblicato l’autobiografia Ricordati di vivere e nel 2020, per La nave di Teseo, L’antipatico. Bettino Craxi e la Grande Coalizione

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Scorrano Claudio Martelli presenta “Vita e persecuzione di Giovanni Falcone”

LeccePrima è in caricamento