Filomena D'Ambrosio. Art exhibition

La ricerca di Filomena D'Ambrosio si approccia ai territori ancora indefiniti dell'Io. La produzione artistica cresce sotto l'influenza dello studio e la sperimentazione della psicologia, con particolare riferimento alla psicoanalisi.
Nella produzione pittorica, si riscontra visivamente le modificazioni che il percorso d'autoanalisi genera nel suo inconscio. Sulla tela si imprime spontaneamente un immagine metaforica di ciò che il "percorso" la rende, come se nel tentativo di guardarsi dall'esterno, attraverso uno specchio, esso bloccasse la percezione che ha di se stessa in quel momento. Guardando i dipinti nel loro insieme poi si ha l'impressione d'osservare un diario di Inconscio che tenta di raccontare progressivamente la propria metamorfosi, il proprio percorso di liberazione.
Così come la personalità man mano si liberà dalle pesanti strutture di educazioni indottrinate, allo stesso modo i dipinti si alleggeriscono delle strutture formali e i colori si affievoliscono e cominciano a dissolversi nell'atmosfera.
Nell ultimo ciclo pittorico prevalgono paesaggi con alberi, scelta tutt'altro che casuale: "L'Albero infatti è il simbolo archetipo dell'individuazione nella vita che cresce".
Un albero in particolare ha esercitato sull'Artista un forte potere attrattivo, il Pino Loricato.
Millenario, risiede solo sulle cime del Pollino, possiede la qualità unica di non marcire dopo la morte, ma di trasformarsi grazie alla sua particolare resina, che sprigionata, gli dona un colore biancastro, tramutandolo in una vera e propria scultura.
Il grande Pino rappresenta bene la persona di Filomena, poiché tutta la sua vita è un'evidente manifestazione di trasformazione.


A cura di
Evan Piccirillo

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “Clown”: la mostra di Franco Baldassarre

    • dal 20 giugno al 30 settembre 2020
    • Castello Aragonese
  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • Massimo Sestini: "L'aria del tempo"

    • dal 2 luglio al 30 settembre 2020
    • Castello Carlo V

I più visti

  • Pranzo e cena in agriturismo

    • Gratis
    • dal 20 febbraio al 31 ottobre 2020
    • agriturismo santa chiara
  • “Clown”: la mostra di Franco Baldassarre

    • dal 20 giugno al 30 settembre 2020
    • Castello Aragonese
  • Cena in un agriturismo salentino

    • Gratis
    • dal 19 giugno al 30 settembre 2020
    • agriturismo santa chiara
  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    LeccePrima è in caricamento