rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Mostre

Monia Micaletto, la pittrice contemporanea salentina selezionata per la Pro Biennale di Venezia

La pittrice contemporanea ha scelto due opere per questa speciale presenza espositiva

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

LECCE - La talentuosa pittrice contemporanea di origine salentina, Monia Micaletto, è stata selezionata per partecipare ad un'esposizione artistica collettiva di portata internazionale, la Pro Biennale che si svolge a Venezia dal 13 al 17 maggio 2022 presso Spoleto Pavilion. La Micaletto ha scelto due opere di particolare pregnanza e intensità evocativa per questa sua speciale presenza espositiva, dal titolo “Karim” e “Innocenza”, che definiscono al meglio il potenziale di risorse espressive della sua poetica figurativa, sempre declinata in chiave garbata e delicata e con impeccabile visionarietà suggestiva sia a livello formale sia a livello sostanziale. Entrambe le opere sono concepite seguendo le linee guida di base, che ispirano e canalizzano l'estro creativo della Micaletto e hanno un accento comunicativo davvero impattante fin dal primo sguardo. Il pathos di trasporto emotivo e lo slancio emozionale, che affiorano in tutta la produzione realizzata dalla Micaletto sono frutto del coinvolgimento totale e completo della sfera intima e interiore e contribuiscono a imprimere quella particolare energia di vitalità, che produce un movimento dinamico e ravviva il palinsesto compositivo. A dare voce di risalto alla Pro Biennale contribuiscono anche figure e personalità di spicco e di acclarata autorevolezza, tra cui Vittorio Sgarbi, Francesco Alberoni, Silvana Giacobini. Nel commentare il percorso artistico della Micaletto è intervenuta la Dott.ssa Elena Gollini che ha sottolineato: “Monia sta facendo un viaggio artistico di spessore e di caratura, procede a livelli elevati sia nella fase di ricerca ideativa e progettuale sia nella fase operativa di esecuzione. Possiede una meticolosa precisione, accompagnata da un'intuizione guizzante e da una concezione ricercata nel minimo dettaglio e particolare scenico della narrazione rappresentativa. Trovo molto valido l'apparato pittorico, anche nella sua impronta cromatica, sempre incisiva e funzionale a fare da corollario rafforzativo all'insieme. Certamente, la tavolozza colorata influisce nella resa figurale complessiva e Monia dimostra consolidata e radicata padronanza nel dosare e nel misurare ogni intreccio e accostamento cromatico e tonale, seguendo le linee del disegno e dei tratti segnici con bilanciamento. In ogni opera si denota l'impeccabile tocco di segno e di colore, che trovano sempre una sintonia di reciproca corresponsione. Anche i due quadri presenti in Pro Biennale sono testimonianza lampante di queste caratteristiche e distintive e di tutto quanto il corposo e variegato apparato semantico e concettuale, che viene impresso e inserito in modo mirato. Monia da prodiga maestra d'arte riesce a fornire al fruitore-spettatore degli impulsi di incipit, invitandolo ad entrare e ad addentrarsi, a trovare e a scoprire, a cogliere e decifrare tutto quello straordinario coacervo canalizzato. Ecco, perché in ogni quadro il micro mondo creativo si trasforma in macro universo esistenziale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monia Micaletto, la pittrice contemporanea salentina selezionata per la Pro Biennale di Venezia

LeccePrima è in caricamento