rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
In allestimento / Uggiano La Chiesa

“Casamassella pop”: occhiali arancioni e storie in tremila ritratti

Sarà presentata a Roma la mostra che racconta l’anima popolare del piccolo centro salentino e che lancia un messaggio di fratellanza: inaugurazione il 14 maggio nella frazione di Uggiano

CASAMASSELLA (Uggiano La Chiesa) - Occhiali speciali per raccontare l’anima popolare di un piccolo centro dell’entroterra salentino “affacciato” sul mare e con cui osservare il mondo: ci sono tante storie dentro la singolare iniziativa di “Casamassella Pop”, la mostra fotografica che verrà presentata il prossimo 5 maggio nella sala Nassirya del Senato della Repubblica, a Roma, e che racconta, attraverso i ritratti di gente comune, immortalata dietro a un semplice paio di occhiali arancioni, l’anima “popolare” di un’umanità variegata e plurale.

Mondi che s’incontrano, in un viaggio fotografico che unisce terre, culture, lingue, etnie, comunità, abitudini, consuetudini, diversi e distanti tra loro: nata in maniera molto casuale, qualche anno fa con l’intento di fotografare gli abitanti di Casamassella, frazione di Uggiano La Chiesa, in chiave “goliardica” con un paio di occhiali arancione, l’idea è diventata pian piano un progetto fotografico esteso “oltre i confini locali”, grazie ad una rete di “ambasciatori” che hanno arricchito la galleria di scatti.

Ogni foto presa in sé è divertente, curiosa o interessante ma è l’insieme dei ritratti, oltre 3mila, a rendere il progetto speciale, dove si impone l’inclusione e una voglia di leggerezza che accomuna genti di ogni estrazione sociale, persone sconosciute e personaggi importanti, indifferentemente dalla loro storia, dal proprio credo o dalla provenienza.

“Un grande messaggio di fratellanza – spiegano gli ideatori - ma anche uno spaccato sociale che spazia dalla micro realtà di una minuscola frazione del sud della Puglia fino ai contesti più internazionali e lontani spesso sconosciuti”.

Alla conferenza stampa di presentazione prenderanno parte il presidente della Commissione politiche dell’Unione Europea del Senato della Repubblica, Dario Stefàno, la presidente del consiglio regionale pugliese, Loredana Capone, l’ideatore del progetto e della mostra, Roberto Campa, il curatore della mostra, Oliviero Godi, l’autore televisivo e testimonial del progetto, Giovanni Muciaccia, e il sindaco di Uggiano La Chiesa, Andrea De Paola.

La mostra, sostenuta dalla presidenza del consiglio regionale Puglia, con il patrocinio del Senato della Repubblica, Ministero Affari esteri e Cooperazione internazionale, Regione Puglia, Provincia di Lecce, Unione dei Comuni Terre d’Oriente, Comune di Uggiano, Ordine degli Architetti PPC di Lecce, sarà poi inaugurata il 14 maggio a Casamassella nei locali della ex Scuola Elementare-Biblioteca Antonio De Viti De Marco.

L’allestimento di oltre 3mila ritratti sarà a “impatto zero” in quanto, come spiega il curatore Oliviero Godi, “ci siamo iscritti ad una organizzazione mondiale che raggruppa gallerie d’arte e musei che sostengono la necessità di compensare le emissioni di CO2 delle mostre, attraverso anche delle azioni sul territorio. Tramite loro abbiamo calcolato quanta CO2 la nostra mostra produrrà e abbiamo deciso di piantare una certa quantità di alberi di ulivo qui nel Salento per compensarla. Questo non solo aiuterà l’ambiente ma sarà un segnale di attenzione all’aspetto sociale legato al dramma della xylella e alla necessità di ricreare il contesto agricolo che dà lavoro a moltissima gente in questa parte della Puglia, producendo dell’olio che poi verrà gestito dalla nostra associazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Casamassella pop”: occhiali arancioni e storie in tremila ritratti

LeccePrima è in caricamento