Mercoledì, 4 Agosto 2021
Mostre

Terzapagina. Al Must, è di scena l'arte con la mostra "Ex trahere - Extra Here"

Si inaugura l'installazione di Vito Leone e Paola Mancinelli all'interno del museo storico di Lecce e nell'ambito della programmazione "MustInTime", partita a novembre: l'arte come viaggio verso le proprie strutture primarie

LECCE - Prosegue la programmazione di MustInTime, l’articolata mostra che si muove dal 30 novembre al 19 marzo, ideata e organizzata dall’associazione id&a e dal Museo storico di Lecce, curata dall’artista creativa Monica Righi e dall’architetto Andrea Novembre e promossa dal Comune di Lecce con il patrocinio dell’assessore al Mediterraneo, cultura e Turismo della Regione Puglia e con il sostegno di Leo Constructions.

Domenica 10 marzo, alle ore 18, nell'ambito della programmazione di MustInTime, verrà inaugurata la mostra "Ex trahere - Extra here" di Vito Leone e Paola Mancinelli a cura di CO.61. Estrarre: dal latino Extrahere, tirare fuori. Un verbo dinamico, un moto necessario, una tensione della mente e del corpo che parte da una volontà di ricerca, da un desiderio di scoperta, da una possibilità di condivisione.

Il progetto nasce da questa tendenza e si snoda, nelle sale del Museo Storico di Lecce per Mustintime, attraverso i due percorsi artistici “Ex trahere” di Vito Leone e “Extra Here” di Paola Mancinelli. Per entrambi la materia diviene protagonista, si offre generosamente, mostra la sua potenza e al tempo stesso il suo potenziale. Attende di essere lavorata, plasmata e raccontata. L’opera è il risultato di un’estrazione, di un lavoro manuale e intellettivo insieme. Il suo dinamismo tende a cavare fuori un senso nuovo da un senso originario, senza stravolgerlo, né modificarlo, ma dotandolo di una forma nuova, ricavando da questo processo ulteriori possibilità di lettura.

In quest’ottica il lavoro fotografico di Vito Leone si veste di segni e geometrie, linee e intersezioni che si alternano come in un mosaico. Un quadro unico, naturale, nel quale ogni piccola sezione occupa un suo posto stabilito, recita una parte per il tutto. Sono solchi nella terra madre, come tante trame di un passato che ridisegna energicamente un suo equilibrio, un suo riscatto nei confronti del tempo e dell’ambiente.

Il suo lavoro racconta l’arte creata dalla mano inconsapevole della natura che disegna la trama di ciò che è stato, ma anche i segni della mano dell’uomo nella pietra e sulla terra, ferite che nel tempo hanno trovato una forma nuova e una sintesi con l’ambiente circostante. Pareti nude, sulle quali ci sono il sudore dell’uomo e le tracce lasciate nel tempo dall’acqua e dal vento. Il risultato è un mondo surreale, un non luogo, fatto di essenzialità e rigore geometrico. Una serialità non banale, alternata a vuoti, che dà il senso del tempo e dello spazio.

L’arte diventa un viaggio verso le proprie strutture primarie, forme, spazi, linee e superfici. Nel lavoro installativo di Paola Mancinelli la parola mantiene il suo autentico dinamismo e gioca letteralmente con un fuori inteso come fuori dall’ordinario. Un processo che porta l’io a tirare fuori da sé ciò che di extra-ordinario ha già dentro. Il mondo è il riflesso del suo cosmo interiore, l’Here, la sua sfera intima e personale, egli è il fuori e il dentro. In questo viaggio sapere e saper fare coincidono e dialogano tra loro, passando dal concetto all’azione, dall’idea originaria all’opera. C’è una conoscenza che chiede di essere estratta, tirata fuori, esplicitata, resa fruibile e riproposta in altri contesti.

Un percorso attraverso il quale l’intelletto coglie l’essenza, il concetto e lo fa passare attraverso la propria esperienza, lo ripropone, dandogli una forma nuova. Così come per “Ex trahere” è stata una geometria di linee alternate a raffigurare il suolo che generosamente si offre per la necessità umana, così per “Extra Here” sono le linee di pensiero a tracciare una sorta di mappa concettuale, un tracciato logico.

L’intento è quello di rappresentare l’estrazione anche dal punto di vista dei concetti portanti, per una loro costruzione logica, una loro acquisizione, interiorizzazione e rappresentazione. L’interazione è quella della parola con il fruitore. Nella sua videoproiezione si susseguono in ordine di senso i termini che mantengono la radice stessa di Estrazione. Il lavoro di posizionamento dei neon a terra vuole indicare che questo è un percorso esperibile, vicino all’umano, un cammino visibile, perché illuminato, che si snoda sottile tra lastre di cristallo. Un sentiero che guarda all’idea originaria, alla sua proiezione e alla sua realizzazione. Orari di apertura del museo 10 -13.30 / 14.30 - 19.30 (chiuso il lunedì).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terzapagina. Al Must, è di scena l'arte con la mostra "Ex trahere - Extra Here"

LeccePrima è in caricamento