"Le tracce del treno della vita": tra arte e documenti per non dimenticare

  • Dove
    Museo Ebraico
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 01/12/2019 al 28/02/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Domenica I dicembre 2019 presso il Museo Ebraico di Lecce sarà inaugurata la mostra Le tracce del treno della vita. Tra arte e documenti per non dimenticare di Adi Kichelmacher, a cura di Ermanno Tedeschi, in collaborazione con l’Associazione Culturale Acribia.

L’evento, patrocinato dalla Regione Puglia, dal Comune di Lecce e dalla Provincia di Lecce - Salento d’Amare, sarà accompagnato da presentazioni nelle scuole del territorio e costituirà la base di laboratori didattici ed itinerari emozionali in vista della Giornata della Memoria del 27 gennaio 2020.

Adi Kichelmacher, artista israeliana da anni residente in Italia, ha realizzato una mostra di opere e documenti sulla storia della sua famiglia, perché ci sono cose che non si possono conservare in un cassetto. Le opere della Kichelmacher offrono uno spaccato dell’Europa del ‘900 e sottolineano le persecuzioni, le vessazioni quotidiane contro gli ebrei, le leggi razziali e le deportazioni nei campi di sterminio nazisti.

Attraverso la sua arte e grazie ad un linguaggio fortemente emozionale si manifesta il profondo dolore per le umiliazioni e le sofferenze di tanti esseri umani, perché i ricordi se diventano arte non si dimenticheranno.   

Il Prof. Fabrizio Lelli, Direttore del Museo Ebraico di Lecce e Docente di Lingua e Letteratura Ebraica presso l’Università del Salento, commenta con queste parole l’organizzazione dell’evento:  "Sono lieto e onorato di ospitare nella cornice del Museo Ebraico di Lecce la bella mostra di Adi Kichelmacher, artista israeliana che dedica ampia parte della sua attività di sperimentazione visiva alla memoria della Shoà, tema che costituisce uno dei principali nuclei della nostra ricerca.  Le opere della Kichelmacher esaltano, in particolare, il ruolo della testimonianza, diretta e indiretta, di avvenimenti drammatici che coinvolgono i singoli individui e tutta l’umanità. In tempi come i nostri, che vedono riaffiorare di continuo gli spettri dell’odio nei confronti dei “diversi”, le suggestioni che ci vengono dal passato e dalla sua rivisitazione attraverso l’arte sono certamente di aiuto alla creazione di valori forti che siano di fondamento per una cittadinanza attiva, consapevole che gli errori della storia non debbano ripetersi".  

Alla conferenza stampa, alla presenza di Loredana Capone (Assessore Industria turistica e culturale, Regione Puglia), Alessandro Delli Noci (Vicesindaco del Comune di Lecce) e Paolo Foresio (Assessore Spettacolo, Turismo, Sviluppo economico del Comune di Lecce), prenderanno parte l’artista Adi Kichelmacher, Ermanno Tedeschi (curatore della mostra) e Fabrizio Lelli (Direttore del Museo Ebraico di Lecce e Docente di Lingua e Letteratura Ebraica, Università del Salento).
 

PROGRAMMA: Domenica I dicembre 2019   
● Ore 12:00 - Conferenza stampa di presentazione della mostra. ● Ore 17:00 - Inaugurazione della mostra. A seguire, degustazione di vini kasher offerti dalle Cantine Leuci di Guagnano.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • Percezioni sublimate

    • Gratis
    • dal 29 ottobre al 22 dicembre 2020
    • YouTube Facebook Instragram

I più visti

  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • Venerdì Siria: sapori e profumi vegan dal Medio Oriente

    • dal 18 dicembre 2019 al 18 dicembre 2020
    • Agricola Samadhi
  • Inaugurazione della mostra Home Landscape di Level project

    • dal 24 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • ex chiesa di San Francesco della Scarpa
  • La storia di Lecce si racconta attraverso i giornali salentini

    • dal 25 novembre al 25 dicembre 2020
    • Convitto “G. Palmieri”
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento