“L’uovo di Piero”: la mostra dell’artista salentino Giovanni Valletta

  • Dove
    Fondazione Palmieri
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 30/09/2018 al 14/10/2018
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Il 30 settembre alle 18.30 presso la Fondazione Palmieri, Chiesa di San Sebastiano in vicolo dei Sotterrani a Lecce, si inaugura la mostra dell’artista salentino Giovanni Valletta dal titolo “L’uovo di Piero” curata da Lucio Galante con interventi di Salvatore Cosentino e Romano Sambati. La mostra prosegue fino al 14 ottobre 2018.

Nata a San Cesario di Lecce l’arte di Giovanni Valletta prende le mosse dalla scultura del concittadino Aldo Calò, suo importante riferimento dal punto di vista artistico. Ben presto dagli esordi figurativi Valletta scopre le modalità della scultura contemporanea, soprattutto di Brancusi, realizzando opere astratte mediante l’assemblaggio di materiali diversi come l’ottone, il marmo e il legno. La mostra, dedicata tra l’altro ad amici artisti scomparsi come Nino Rollo, Renato Centonze, Natalino Tondo, Giovanni Dell’Anna e Pietro Liaci, presenta 15 sculture recenti tra cui quella che dà il titolo all’esposizione, “L’uovo di Piero”. E’ evidente il riferimento alla Pala di Montefeltro di Piero della Francesca, ora a Brera, là dove l’uovo di struzzo, simbolo mariano e di purezza, si eleva a centro geometrico della composizione. Qui Giovanni Valletta ce lo fa contemplare “dal vero” in una sorta di ritagliato frammento pittorico che si fa scultura, forma e spazio tridimensionale.

Come precisa Lucio Galante, “Valletta dando a quel motivo forma concreta, ora lo si può toccare come il filo che lo sostiene, per cui non è più il frutto illusionistico di un artificio tecnico, lo ha spogliato del suo originario significato simbolico-religioso, e lo ha fatto assurgere a simbolo scultoreo assoluto, si potrebbe addirittura dire che (…) lo ha trasformato in simbolo estetico, esaltandone, in tal modo, la purezza della forma”.

Quello che caratterizza le opere di Valletta è la necessità geometrica e armonica della forma, la loro collocazione in un tempo che indica la sospensione e questo perché – sembra dire il Maestro – la conoscenza è ineluttabilmente al di là del fenomeno empirico, essa è piuttosto astrazione metafisica, pura bellezza.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • Al via online la mostra "Leandro 40. Nuove intermittenze. Inediti, classici e testimonianze"

    • Gratis
    • dal 30 aprile al 31 maggio 2021
    • Distilleria De Giorgi
  • Mostra antologica di Paolo Gioli al Museo Castromediano

    • Gratis
    • dal 5 marzo al 9 maggio 2021
    • Museo Prov.le Sigismondo Castromediano

I più visti

  • "Otràntu": il videoclip di Anna Sabato

    • Gratis
    • dal 5 aprile al 31 dicembre 2021
    • https://youtu.be/lNJwqaGv7tA
  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • “I mestieri del cinema” nell’Istituto Tecnico Antonietta De Pace

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 28 maggio 2021
    • Istituto Tecnico Professionale Antonietta De Pace
  • Laboratorio teatro e benessere

    • dal 30 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Centro sociale viale Roma
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    LeccePrima è in caricamento