Domenica, 13 Giugno 2021
Eventi

Una maratona virtuale con gli esperti per creare una mappa dell’accessibilità

Domenica 9 novembre, alle Officine Cantelmo, "Movidabilia - Hackathon" . Presenti importanti addetti ai lavori nel settore del web marketing e degli open data: Paolicelli, Cortese, Bertalan, Maletesta. Il programma della giornata

LECCE - Domenica 9 novembre, alle Officine Cantelmo, appuntamento con la giornata dell’accessibilità nella città di Lecce.  L’evento prende il nome di Movidabilia Hackathon – accessibilità dal basso, e può contare sul patrocinio e sulla cooperazione attiva del Comune di Lecce.

Si inserisce nel panorama delle iniziative Smart City. Si tratta infatti di un intervento finanziato da Fondi Fesr 2007-2013 Poin “Attrattori culturali, naturali e turismo”.  Verrà proposto un percorso di sensibilizzazione all’accessibilità e al servizio alla collettività dal basso, prime motivazioni dell’Hackathon, che verrà interamente tradotto in lingua Lis.

Che cosa è un Hackathon? Si tratta di una ‘maratona’ alla quale, in genere, partecipano esperti di diversi settori dell'informatica per sviluppare App e software con finalità che variano dal campo tecnico a scopi didattici e sociali. Movidabilia Hackathon – accessibilità dal basso, invece, ha l’ambizione di far cooperare esperti informatici e associazioni per creare una mappa dell’accessibilità della città di Lecce grazie all’aiuto di nomi importantissimi a livello nazionale nel campo di open data, web marketing e Oms, quali Francesco Piero Paolicelli, Federico Cortese, Ivan Bertalan,  Salvatore Maletesta.

L’incontro prevede l’introduzione, da parte degli esperti, all’utilizzo delle open source maps, al concetto di mappatura dal basso e alle iniziative di intelligenza collettiva a servizio dei concittadini e della pubblica amministrazione, pratiche molto diffuse in Nord Europa ma che in Italia rappresentano un’innovazione per non dire una vera e propria rivoluzione culturale.

Il Movidabilia Hackathon è aperto a disabili che sanno usare il computer e che vogliono rendere accessibile la città; non disabili che sanno usare il computer e che vogliono rendere accessibile la città; tutte le persone che, indipendentemente da quanto sappiano o non sappiano usare il computer, vogliono rendere accessibile la città e imparare a usare le mappe open source per rendere più accessibili tutti i posti in cui si recano, per lavoro, vacanza e altro.  I partecipanti dovranno essere muniti di notebook o tablet o altro smartphone.

Leggi e scarica il programma di movidabilia2014

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una maratona virtuale con gli esperti per creare una mappa dell’accessibilità

LeccePrima è in caricamento