Novoli “mette in mostra” Duilio Natale: il madonnaro che consegnava carbone a domicilio

A partire dal 12 e fino al 20 gennaio, presso la Drogheria delle Arti, sarà possibile visitare le opere del cantastorie, artista e musicista novolese. L’iniziativa nell’ambito degli eventi della Focara 2017

Il pittore Duilio Natale, in mostra a Novoli

NOVOLI - Novoli rende omaggio a Duilio Natale, madonnaro, pittore, suonatore di organetto e fisarmonica, cantore di storie di santi, girovago. In occasione della festa di Sant’Antonio Abate, la Fondazione Focara di Novoli allestirà nella Drogheria delle Arti di Piazza Regina Margherita, una mostra dedicata all’ultimo dei cantastorie novolesi. L’iniziativa è realizzata a cura di Mario Rossi e dell’associazione culturale Il parametro con il patrocinio del Dipartimento di Stotia, società, Studi sull’uomo dell’ Università del Salento. La mostra sarà inaugurata nel pomeriggio di giovedì 12 gennaio e resterà aperta tutti  i giorni fino al 20 gennaio.

Interverranno il sindaco e presidente della Fondazione Fòcara di Novoli Gianmaria Greco, Il presidente dell’Associazione culturale il Parametro Piergiuseppe De Matteis, l’antropologo Eugenio Imbriani dell’Università del Salento.  “La mostra è un omaggio all’arte ed al talento di un novolese spesso marginalizzato”, sottolinea il sindaco e presidente della Fondazione Fòcara, Gianmaria Greco. “Un riconoscimento fortemente voluto dalla Fondazione Fòcara che porta avanti, tra le sue finalità, la valorizzazione degli artisti locali”. È nato nel 1931 a Novoli, dove vive tuttora. Iniziò a disegnare da ragazzo, non a scuola, che frequentò solo per un paio d’anni, ma facendo il garzone di un carbonaio: portava il carbone a domicilio, e ne adoperava dei pezzi per disegnare sui muri.

Con l’andare del tempo, le soste divenivano più lunghe, i disegni più complessi, le consegne meno puntuali. Durante la guerra, l’incontro con un pittore ungherese profugo a Novoli, Laios, che dipingeva su stoffe per cuscini e lenzuola, fu decisivo; Duilio decise di seguirlo, se ne andarono in varie città, si lasciarono a Napoli, dove il pittore prese la nave per l’Argentina. Duilio rubava con gli occhi, apprendeva con rapidità le tecniche pittoriche. Nella città campana imparò i graffiti su ceramica annerita dal fumo; a Lecce un puparo gli insegnò, tra l’altro, a realizzare affreschi. Soprattutto, faceva il madonnaro, un po’ ovunque, durante le feste, nei pressi dei santuari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Guadagnava bene, dice, e spendeva pochissimo, dormendo sotto le panchine o la cassa armonica, senza remore di chiedere e ottenere ospitalità; avendo imparato a suonare la fisarmonica, si avvicinava ai tavoli, la sera, agli avventori dei bar, qualcosa ricavava, e pazienza se la pioggia (poteva accadere) aveva cancellato troppo presto il santo ritratto per terra con i gessetti. Suonava nelle masserie, portava la serenate. Tra viaggi di andata e ritorno mise su famiglia; finalmente nel 1975 viene assunto come bidello, dopo aver conseguito la licenza media nella scuola serale, ma continua a svolgere, quando può, l’attività di madonnaro e musicista.  Ha realizzato anche dei quadri, non pochi, ma in buona parte dispersi, alcuni dei quali saranno esposti nella mostra, e degli affreschi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento