Domenica, 13 Giugno 2021
Eventi

Oncologia: un convegno sui nuovi farmaci e le tecniche per curare i tumori

A tracciare un resoconto del convegno di tre giorni che si è tenuto all'hotel Tiziano a Lecce, l’associazione Salute Salento

LECCE – Si è chiuso ieri, all’hotel Tiziano di Lecce, il congresso che ha affrontato la gestione delle neoplasie che rappresentano la prima causa di morte: il cancro al polmone, alla mammella e al colon. Organizzato dal direttore di Oncologia medica del “Vito Fazzi”, Gianmarco Surico, il congresso ha visto la partecipazione di un centinaio fra oncologi, radioterapisti, chirurghi, internisti, anatomo-patologi, radiologi e medici nucleari provenienti da ogni parte d’Italia e del mondo. Oltre a 25 biologi e 25 infermieri specializzati.

A tracciare un bilancio del convegno l’associazione Salute Salento, che ha posto alcune domande al dottor Surico, che al Polo Oncologico del Fazzi dirige l’equipe che ogni giorno, da lunedì a venerdì, riceve circa 8-10 nuovi pazienti.

“Io credo che il futuro sia in un’integrazione tra terapia molecolare target, cioè personalizzata, per pazienti che hanno delle caratteristiche molecolari predefinite e l’immunoterapia – ha spiga Surico –. E penso che la chemioterapia troverà uno spazio sempre più ridotto o di impiego in patologie come il carcinoma mammario”.

“Oggi anche a Lecce – conferma il primario - si utilizzano correntemente i nuovi farmaci (nell’ambito di protocolli internazionali) che permettono di attivare il sistema immunitario e quindi di determinare una risposta autoctona, contro il tumore”. “Diventa sempre più impellente non solo l’istituzione di Gruppi multidisciplinari come già succede a Lecce – aggiunge Surico – ma anche la messa in rete a livello regionale di tutte le Oncologie pugliesi che sono di ottimo livello. Occorre collaborare e standardizzare le diagnostiche”.

Al congresso ha partecipato anche il professor Mauro Ferrari , uno scienziato italo-americano che insegna a Houston nel Texas, autorità mondiale in fatto di nanotecnologie, che ha elaborato l’Oncofisica del trasporto.

“Uno dei problemi principali nel cancro – ha spiegato Ferrari – è il trasporto della massa. Purtroppo, quando il tumore cresce oltre una certa misura diventa impenetrabile al farmaco. Quindi dobbiamo affrontare il problema con gli strumenti della fisica, dell’ingegneria, la biologia e la chimica. Con delle tecniche particolari di target-terapy (terapia mirata) riusciamo a fare entrare anche il farmaco all’interno del tumore”.

Le aspettative si concentrano oggi sull’immunoterapia, che mira a rieducare il corpo e, in particolare, il sistema immunitario, per individuare il pericolo da debellare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oncologia: un convegno sui nuovi farmaci e le tecniche per curare i tumori

LeccePrima è in caricamento